Come si manifestano i disturbi alimentari negli uomini?

disturbi alimentari

I disturbi alimentari (ED) non fanno distinzione di età, etnia, orientamento sessuale o addirittura di genere.  Nonostante le ricerche sui disturbi alimentari maschili siano scarse, i risultati mostrano costantemente varianti uniche e differenze nella presentazione e nella sintomatologia. Pertanto, vi è una necessità critica di comprendere le sfumature tra i generi per meglio concettualizzare, prevenire e trattare adeguatamente i disturbi alimentari negli uomini.  

I disturbi alimentari nei soggetti di sesso maschile non sono rari. Anche se i maschi possono non essere presenti in numero elevato per il trattamento, soffrono di disturbi alimentari, con differenze nella loro manifestazione. Ad esempio, nel caso dell’anoressia nervosa, i maschi riferiscono spesso di avere obiettivi di forma diversi, orientati a raggiungere la magrezza al fine di ottimizzare la visibilità della muscolatura, piuttosto che un ideale magro di per sé. I maschi adolescenti affetti da anoressia nervosa sono anche più propensi a esprimere il desiderio di avere la “tartaruga” piuttosto che uno stomaco piatto. I maschi con bulimia nervosa mostrano anche differenze nella manifestazione dei sintomi. Mentre le donne hanno più probabilità di abbuffarsi con i dolci, gli uomini hanno più probabilità di abbuffarsi con cibi ad alto contenuto proteico e ad alto contenuto di grassi, come la carne, e sono anche meno propensi a dichiarare di aver provato la perdita del controllo o l’angoscia durante un episodio di abbuffata. Il Binge eating disorder nei maschi ha anche dimostrato che gli uomini possono essere meno inclini ad abbuffarsi rispetto alle donne. La diagnosi più recente del disturbo evitante restrittivo dell’assunzione di cibo presenta una ricerca più limitata, data la sua scoperta relativamente recente come entità diagnostica formale, anche se la ricerca suggerisce una prevalenza crescente tra i maschi. 

Il ruolo del fisico “ideale” nei disturbi alimentari maschili

Dato che esistono differenze nella manifestazione nella maggior parte dei disturbi alimentari, è importante capire come una preferenza per un ideale di fisico più muscoloso con poco grasso corporeo si presenti negli uomini, rispetto a un ideale di fisico più magro nelle femmine. Le rappresentazioni culturali e sociali occidentali delle action figures maschili e dei personaggi dei giochi per computer sono sempre più inclini a muscoli anatomicamente impossibili nell’uomo. Il messaggio veicolato è che il corpo maschile ideale dovrebbe essere così, promuovendo comportamenti orientati al cambiamento del corpo nei maschi.

Per quanto riguarda i disturbi alimentari, un ideale di fisico orientato alla muscolosità può determinare una forma distinta di comportamenti di disturbo alimentare nei maschi che deve essere analizzata. In altre parole, affidarsi a un quadro tradizionale orientato alla magrezza per la patologia dei disturbi alimentari nei maschi può essere insufficiente per comprenderne la natura. Un fattore importante da considerare quando si osservano i disturbi alimentari dal punto di vista maschile è l’impatto della ricerca patologica della densità o definizione muscolare nota come dismorfismo muscolare. La comprensione di questa ricerca ossessiva della muscolosità richiede una maggiore attenzione ai comportamenti compulsivi legati all’esercizio fisico, alla restrizione alimentare e ai comportamenti compensatori come caratteristica principale della malattia.

La scelta di questi ideali come oggetti culturali non è casuale e riflette la rappresentazione dell’uomo secondo i canoni della mascolinità tossica. Un uomo forte, che prende spazio, aggressivo, senza vulnerabilità. Un ideale non solo irraggiungibile, ma che getta nella vergogna tanti aspetti che fanno parte di ogni essere umano: la fragilità, l’indecisione e la passività.

Disturbi alimentari maschili e orientamento sessuale

Anche gli orientamenti sessuali all’interno dei disturbi alimentari maschili devono essere presi in considerazione, in quanto possono essere in relazione con gli stereotipi culturali e la conformità di genere. La ricerca ha evidenziato una maggiore prevalenza di ED tra i maschi delle minoranze sessuali, oltre a maggiori fattori di rischio legati all’ED, tra cui oggettificazione del corpo, desiderio di magrezza, vittimizzazione e condizioni psichiatriche coesistenti. Tuttavia, poiché gli studi che analizzano le disparità di orientamento sessuale nei profili dei sintomi dell’ED sono generalmente insufficienti, è necessaria una ricerca molto più approfondita in quest’area per comprendere meglio l’intersezionalità tra orientamento sessuale, norme di genere e psicopatologia dell’alimentazione disordinata. Analogamente, sono necessarie ulteriori ricerche per individuare i fattori di rischio per la psicopatologia dell’ED nelle popolazioni transgender, dove è stata rilevata un’elevata prevalenza. 

Come può crescere il settore per supportare al meglio i soggetti maschili che lottano contro l’ED? 

A questo si può rispondere al meglio con un triplice approccio che affronta l’individuazione, l’intervento e la ricerca con l’obiettivo generale della destigmatizzazione. Innanzitutto, il riconoscimento dei fattori di contesto socioculturale, delle pressioni psicologiche e dell’espressione di genere sui maschi e sulla mascolinità. Attualmente, le prove empiriche suggeriscono che i maschi hanno più probabilità di essere diagnosticati in modo errato quando si presentano in centri di trattamento specializzati, il che porta a un maggiore rafforzamento della malattia e ad una maggiore durata del disturbo. Stabilire linee guida mediche, psicologiche e psichiatriche che siano più inclusive per l’esperienza maschile di ED (compromissione del testosterone, uso di steroidi, complicazioni cardiovascolari, complicazioni della densità ossea).

In secondo luogo, le considerazioni cliniche per il trattamento dei maschi trarrebbero beneficio dalla promozione e dall’adattamento di interventi che tengano conto dell’esperienza maschile. Gli specialisti del trattamento potrebbero trarre benefici da una maggiore preparazione sui disturbi co-occorrenziali, da percorsi specializzati che affrontano le problematiche maschili, così come da modifiche dell’ambiente che cercano di eliminare l’esclusività maschile (gruppi progettati per discutere i problemi di immagine corporea maschile, gli interventi sull’esercizio fisico e l’attività fisica, l’orientamento e l’attrazione sessuale, così come le questioni relative alle prestazioni sessuali). 

In terza battuta, l’emarginazione dei maschi nella ricerca sull’educazione fisica è un’altra opportunità di ampliamento e di crescita. Incoerente con le controparti femminili, la ricerca sull’ED maschile trova in gran parte discrepanze o mancanza di rappresentazione all’interno dell’età, della cultura, dell’etnia, degli indici psicometrici e della neurobiologia, così come della fisiopatologia. Le prove, attualmente, suggeriscono che di mezza età lottano con un linguaggio del corpo negativo. Inoltre, i maschi non bianchi hanno aumentato le preoccupazioni/comportamenti relativi al peso e un maggiore impegno con metodi di perdita di peso estremi. Ad oggi, non esiste ancora uno studio di neuroimaging che comprenda soggetti di sesso maschile, escludendo così le considerazioni maschili dai suggerimenti di trattamento e dagli interventi di nuova concezione.

Sicuramente, la prevalenza di maschi con ED è in crescita, e così dovrebbe essere anche la nostra classificazione, valutazione, trattamento e ricerca. La comprensione delle disfunzioni erettili nei maschi e l’alfabetizzazione alla salute mentale possono migliorare gli individui colpiti, aumentare la qualità delle cure e diminuire le barriere per la ricerca di un trattamento. 

Tradotto da neda.org

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.