Come sono collegati disturbi alimentari e autismo?

disturbi alimentari

Nel 1983, lo psicologo Christopher Gillberg fece una domanda provocatoria ai lettori del British Journal of Psychiatry: L’autismo e l’anoressia nervosa possono avere cause comuni? La curiosità di Gillberg nasceva in parte dalle sue osservazioni di tre ragazzi autistici le cui cugine presentavano tutte questo disturbo alimentare, che è caratterizzato da restrizioni alimentari, basso peso corporeo, una forte paura di ingrassare e una percezione distorta del corpo.

Gillberg, professore di psichiatria infantile e adolescenziale all’Università di Göteborg in Svezia, ha inizialmente sostenuto che l’anoressia è la “forma femminile dell’autismo”. Anche se quell’idea non era esattamente corretta, i suoi sospetti che i disturbi alimentari e l’autismo fossero collegati sono stati confermati: Gli studi dimostrano che le persone affette da anoressia hanno una probabilità maggiore di presentare problemi di autismo rispetto a quelle che non ne soffrono. Sono pochi i dati che dimostrano che le persone autistiche sono particolarmente a rischio di disturbi alimentari, ma gli esperti dicono che è probabile.

Ecco cosa sanno i ricercatori sulla sovrapposizione tra le due condizioni e su cosa stanno ancora lavorando per scoprirlo.

Quanto spesso anoressia e autismo si sovrappongono?

Le stime variano, benché la maggior parte dei ricercatori concordino sul fatto che circa il 20% delle persone con anoressia sono autistiche. Entrambe le condizioni sono rare (circa l’1 per cento delle persone autistiche e lo 0,3 delle persone anoressiche) e la maggior parte delle ricerche finora ha studiato la prevalenza dell’autismo nelle persone con anoressia, non il contrario. Tra 60 donne in cura per un disturbo alimentare in una clinica nel Regno Unito, per esempio, 14 di loro, o il 23%, hanno ottenuto un punteggio superiore al limite diagnostico in un test chiamato Autism Diagnostic Observation Schedule (ADOS). Similarmente, a circa un terzo delle persone affette da anoressia è stato diagnosticato l’autismo, secondo uno studio pluriennale che ha seguito 51 persone affette da anoressia e condotto 51 controlli in Svezia dagli anni ’80. A causa dei cambiamenti nel modo in cui viene diagnosticato l’autismo, alcuni partecipanti hanno soddisfatto i criteri della diagnosi in un determinato momento e non in altri, ma quelli che soffrono di anoressia tendono comunque ad avere un punteggio più alto in un test di difficoltà di comunicazione sociale rispetto ai controlli.

Gli studi sulla popolazione confermano il collegamento. I bambini che presentano difficoltà sociali all’età di 7 e 11 anni hanno più probabilità dei loro coetanei non affetti da tali difficoltà di impegnarsi in comportamenti alimentari disordinati, come il digiuno o l’uso di pillole dietetiche, all’età di 14 anni, secondo i dati di più di 5.000 bambini nati nel Regno Unito. E tra 1,7 milioni di persone nel registro sanitario nazionale della Danimarca, la probabilità di essere affetti da autismo è più di 15 volte più elevata tra le persone anoressiche; allo stesso modo, le persone autistiche hanno più di cinque volte più probabilità di essere anoressiche delle persone non autistiche. Ma avere la depressione aumenta anche la probabilità di avere l’autismo in questa coorte, quindi non è chiaro se l’autismo ha un legame unico con l’anoressia o semplicemente aumenta la probabilità di avere una condizione psichiatrica.

Analizzare la sovrapposizione tra le due condizioni è complicato anche dal fatto che la fame può causare cambiamenti cerebrali che provocano comportamenti simili all’autismo, come difficoltà sociali e problemi con l’elaborazione delle emozioni. Può essere difficile diagnosticare accuratamente l’autismo nelle persone affette da anoressia grave, dice William Mandy, professore di psicologia clinica all’University College London nel Regno Unito. Tra 40 ragazze adolescenti sottoposte a trattamento intensivo per l’anoressia, per esempio, 21 hanno ottenuto un punteggio superiore alla soglia diagnostica dell’ADOS, ma i genitori di solo 4 hanno riferito di aver visto tratti di autismo nell’infanzia – necessari per una diagnosi di autismo. Questo suggerisce che per la maggior parte delle ragazze, il disturbo alimentare ha causato nuovi comportamenti che rispecchiano l’autismo. È anche possibile che l’autismo delle ragazze sia stato ignorato nell’infanzia. “È ancora un dibattito in corso”, dice Heather Westwood, psicologa clinica esperta in disturbi alimentari al King’s College di Londra.

I disturbi alimentari presentano le stesse cause nelle persone autistiche e non autistiche?

L’anoressia implica un’attenzione deleteria verso il peso e l’immagine del corpo, ma le persone con autismo possono limitare la loro alimentazione per altre ragioni, come fronteggiare emozioni difficili o avere certe avversioni nei confronti del cibo. Per alcune persone autistiche, i disturbi alimentari possono derivare da comportamenti ristretti e ripetitivi che si manifestano sotto forma di un forte interesse come il conteggio delle calorie, l’esercizio fisico o l’insistenza nel seguire una dieta limitata.

I disturbi alimentari di solito si manifestano nell’adolescenza, quando la vita sociale delle persone tende a diventare più complessa. In uno studio qualitativo di donne autistiche affette da anoressia pubblicato ad aprile, solo pochi partecipanti hanno dichiarato che i loro comportamenti alimentari erano determinati principalmente dall’aspetto del corpo, anche se alcuni hanno usato l’obiettivo della magrezza come un modo per inserirsi nei gruppi di pari dai quali si sentivano esclusi. Questo tipo di spinta emotiva è particolarmente comune tra le ragazze con autismo non diagnosticato, che possono sperimentare una vita interiore dolorosa senza un adeguato supporto. “A volte sembra che incappino in questa convinzione secondo la quale se si muore di fame si possono attenuare molte di quelle emozioni”, afferma Mandy. “Diventa un modo per gestire l’ansia grave e l’infelicità”.

Una condizione chiamata disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo (ARFID), aggiunta al Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders nel 2013, può essere la diagnosi più appropriata per alcune persone autistiche che sono sottopeso o hanno problemi a mangiare. L’ARFID, a volte chiamata ‘estrema schizzinosità nel mangiare’, comporta anche il rifiuto del cibo ma non include la forte attenzione al peso e al fisico riscontrata in coloro che soffrono di anoressia.

Altre ricerche, tuttavia, contraddicono la teoria secondo cui i disturbi alimentari nelle persone autistiche sono meno dettati da preoccupazioni di peso che nelle persone non autistiche. In uno studio non pubblicato, Westwood ha rilevato che la relazione tra corpo e alimentazione disordinata è più o meno la stessa nei due gruppi, una scoperta che lei chiama “sconcertante”.

Le difficoltà di identificazione delle emozioni – chiamate alessitimia – e la comprensione delle sensazioni fisiche, come la fame, possono anche contribuire alla sovrapposizione; l’alessitimia è comune sia nell’autismo che nell’anoressia. I ricercatori non sono così sicuri della misura in cui altri disturbi alimentari, come la bulimia e il disturbo da alimentazione incontrollata, si presentano nelle persone autistiche, anche se alcuni sospettano una sovrapposizione anche lì. E la maggior parte della ricerca finora si è concentrata solo su ragazze e donne, perché i disturbi alimentari sono sottodiagnosticati nei ragazzi e negli uomini.

Come vengono trattati i disturbi alimentari nelle persone autistiche?

Le persone autistiche affette da disturbi alimentari hanno tendenzialmente risultati peggiori rispetto ai loro coetanei non autistici. Questo può essere dovuto in parte a trattamenti che non soddisfano i bisogni delle persone autistiche o che si concentrano eccessivamente sul peso e sul fisico.

La terapia per i disturbi alimentari spesso richiede visite mediche di persona e soggiorni in ospedale. Le persone in trattamento spesso devono consumare i pasti in ambienti di gruppo, che possono essere rumorosi e opprimenti, rendendo il mangiare ancora più difficile. Molte persone autistiche hanno difficoltà a visitare gli studi medici a causa delle sensibilità, come l’avversione alle luci fluorescenti. Anche la terapia di gruppo può essere problematica per alcune persone autistiche.

Elisabet Wentz, professoressa di psichiatria all’Università di Göteborg e ricercatrice degli studi longitudinali svedesi, sta attuando dei cambiamenti “autism-friendly” nella sua clinica per i disturbi alimentari in risposta all’alto numero di persone autistiche che ha osservato cercare un trattamento per anoressia o bulimia. Ha destinato due degli otto letti di degenza della sua clinica specificamente alle persone autistiche e permette alle persone autistiche di mangiare da sole se preferiscono.

È importante che i medici che trattano i disturbi alimentari siano consapevoli della coincidenza, affermano gli esperti, poiché molte delle persone che trattano possono avere un autismo non rilevato. Per esempio, tutte le 15 donne affette da entrambe le condizioni nello studio di aprile hanno chiesto servizi relativi a un disturbo alimentare o ad altri problemi di salute mentale prima che venisse loro diagnosticato l’autismo: L’età media della diagnosi di anoressia nel gruppo era di 17 anni, ma l’età media della diagnosi di autismo era di 29 anni.

“È davvero utile sapere che sono autistici se vuoi provare ad aiutarli con il loro disturbo alimentare e con la loro vita in generale”, afferma Mandy.

Fonte:

Spectrum News

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.