Cos’è la diabulimia? Significato, sintomi e trattamento

Uncategorized

Diabulimia è un termine coniato dai media per indicare il disturbo alimentare di una persona affetta da diabete, tipicamente il diabete di tipo I, dove la persona limita volontariamente l’insulina per perdere peso. Alcuni professionisti medici usano il termine ED-DMT1, Eating Disorder-Diabetes Mellitus Type 1, che viene usato per descrivere qualsiasi tipo di disturbo alimentare in comorbidità con il diabete di tipo 1. 

Data la forte attenzione al cibo, alle etichette, ai numeri (peso, glucosio nel sangue, A1c) e al controllo, oltre ai molti disturbi che si verificano nel sistema metabolico di una persona, sappiamo che il diabete è un altro fattore di rischio per l’insorgenza di disturbi alimentari. Quindi, una persona può sviluppare diabulimia o ED-DMT1 a qualsiasi età e in qualsiasi momento successivo alla diagnosi di diabete. A volte inizia con problemi di percezione del corpo o con il desiderio di perdere peso, e a volte inizia come sindrome da burnout dovuta al diabete. Indifferentemente da come inizi, il trattamento può essere difficoltoso in quanto gli individui con diabete di tipo 1 tendono a mostrare tassi di abbandono più alti e risultati di trattamento più scarsi rispetto agli altri pazienti. I programmi di trattamento devono affrontare sia il diabete che gli aspetti del disturbo alimentare.

La Diabulimia non ha un codice diagnostico separato, quindi la diagnosi specifica di chi ne soffre dipenderà dai suoi sintomi legati al disturbo alimentare. Il manuale diagnostico, DSM-5, classifica l’omissione di insulina come un comportamento di eliminazione, quindi può essere catalogato come bulimia nervosa se la persona si abbuffa e poi limita l’insulina. Può essere diagnosticato come disturbo di eliminazione se la persona mangia normalmente e limita l’insulina o anoressia nervosa se la persona limita fortemente sia il cibo che l’insulina. La Diabulimia può anche essere diagnosticata come Other Specified Feeding and Eating Disorder (OSFED).

SEGNALI D’ALLARME E SINTOMI DELLA DIABULIMIA

Emotivi e comportamentali

  • Aumento della trascuratezza nella cura del diabete
  • Segretezza sulla cura del diabete
  • Il soggetto evita gli appuntamenti con il medico
  • Timore dei bassi livelli di zuccheri nel sangue
  • Timore che “l’insulina mi faccia ingrassare”
  • Aumento o diminuzione estrema della dieta
  • Ansia estrema per il proprio aspetto corporeo
  • Limitazione di certi alimenti o gruppi di alimenti per abbassare i dosaggi di insulina
  • Il soggetto evita di mangiare con la famiglia o in pubblico
  • Difficoltà a effettuare test/iniezioni di fronte ad altri
  • Regole alimentari troppo rigide
  • Eccessiva attenzione per il cibo, il peso e/o le calorie
  • Esercizio fisico eccessivo e/o rigoroso
  • Aumento del pattern del sonno
  • Allontanamento dagli amici e/o dalle attività familiari
  • Depressione e/o ansia
  • Prescrizioni compilate sporadicamente

Fisici

  • A1c di 9.0 o superiore su base continua
  • A1c inconsistente con le letture del contatore
  • Perdita di peso inspiegabile
  • Attacchi costanti di nausea e/o vomito
  • Sete costante e minzione frequente
  • Episodi multipli di DKA o quasi DKA
  • Sodio e/o potassio bassi
  • Frequenti infezioni della vescica e/o candidosi
  • Mestruazioni irregolari o assenti
  • Vista peggiorata o offuscata
  • Affaticamento o letargia
  • Capelli e pelle secchi

CONSEGUENZE SULLA SALUTE DELLA DIABULIMIA

Il corpo umano è straordinariamente resistente e le persone affette da diabulimia spesso riescono a sopravvivere con zuccheri nel sangue molto più alti di quanto dovrebbe essere possibile. Quindi, le principali conseguenze della diabulimia o dell’ED-DMT1 sono di solito legate all’aumento prolungato della glicemia. Queste complicazioni possono essere gravi e irreversibili, quindi è fondamentale attuare un trattamento adeguato e una diagnosi precoce.

I pazienti che limitano l’insulina in relazione al peso hanno presentato una probabilità 3,2 volte maggiore di morire nel corso di uno studio durato 11 anni, e di morire in media 13 anni più giovani di quelli che non limitavano l’insulina. È incredibilmente importante conoscere i molti modi in cui i disordini alimentari influenzano le persone affette da diabete.

Conseguenze a breve termine della diabulimia

  • Guarigione lenta delle ferite – un elevato livello di zucchero nel sangue comporta una cattiva circolazione, diminuisce la funzione dei globuli rossi e bianchi e danneggia i piccoli vasi sanguigni; tutto ciò ritarda la guarigione delle ferite e a volte può evolversi in ulcera nelle persone affette da diabete.
  • Stafilococco e altre infezioni batteriche – una glicemia elevata fa sì che il corpo produca alcuni enzimi e ormoni che influenzano negativamente il sistema immunitario e riducono la difesa del corpo contro le infezioni. Questo rischio di infezione e la guarigione rallentata aumentano le possibilità per la persona di sviluppare cancrena, sepsi o infezioni alle ossa.
  • Candidosi – l’eccesso di zucchero favorisce una crescita eccessiva del fungo, spesso nell’area vaginale.
  • Atrofia muscolare – senza insulina, il corpo non può utilizzare il cibo e le cellule cominciano a morire di fame, quindi il corpo comincia a distruggere i muscoli per ottenere energia.
  • Amenorrea o dismenorrea- senza una nutrizione sufficiente, i livelli di estrogeni di una donna crollano e questo può impedire l’inizio delle mestruazioni, causarne l’irregolarità o bloccarle completamente; inoltre quando il corpo di una donna sente la fame, interrompe la riproduzione per conservare l’energia.
  • Forte disidratazione – la carenza di insulina mette il corpo in uno stato di fame causando la rottura dei tessuti per creare chetoni da usare come nutrimento; nel tentativo di espellere i chetoni nelle urine il corpo finisce per disperdere troppi liquidi.
  • Squilibrio degli elettroliti – mentre i reni estraggono lo zucchero e i chetoni da espellere con le urine, estraggono anche sodio e potassio che possono provocare un forte squilibrio elettrolitico, specialmente se combinato con il vomito che spesso si presenta con alti livelli di chetoni.
  • Chetoacidosi diabetica – le persone affette da diabete di tipo 1 sviluppano livelli pericolosi di chetoni più velocemente degli altri perché il corpo necessita di insulina per trasportare i chetoni dal flusso sanguigno alle cellule; senza insulina, i chetoni si accumulano nel flusso sanguigno più velocemente di quanto i reni possano rimuoverli causando l’acidificazione del sangue. Non solo il sangue acido danneggia i vasi sanguigni, i nervi e gli organi, ma anche una piccola alterazione del pH del sangue di una persona può causare il collasso degli organi con conseguente coma e talvolta la morte.

Conseguenze a lungo termine della diabulimia

Un livello elevato di glucosio nel sangue fa sì che il sangue diventi simile ad un foglio di carta vetrata che raschia e danneggia le pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, il sangue diventato acido a causa dei chetoni può causare danni ai vasi. Le conseguenze di questo danno si manifestano spesso negli occhi dove i vasi più piccoli iniziano a perdere sangue nel bulbo oculare.

  • Retinopatia – piccole macchie nere che disturbano la vista della persona; l’emorragia può essere arrestata con il trattamento, ma una retinopatia persistente o ricorrente può portare alla cecità.
  • Edema maculare – gonfiore del bulbo oculare dovuto al liquido in eccesso; se non trattato può causare danni permanenti all’occhio.

Le fibre nervose sono particolarmente sensibili ai prolungati periodi di glicemia alta. Molti fattori possono danneggiare i piccoli nervi del corpo tra cui la riduzione della fornitura di ossigeno; il sangue denso e appiccicoso ha difficoltà a raggiungere i piccoli capillari che alimentano i nervi; e l’infiammazione dei nervi.

  • Neuropatia periferica – dolore pungente/ bruciante/pungente, debolezza o intorpidimento nelle mani, nei piedi, nelle gambe e/o nelle braccia.
  • Gastroparesi – svuotamento dello stomaco rallentato dai nervi danneggiati che impediscono una corretta digestione e causano dolore allo stomaco, nausea e vomito.
  • Sincope vasovagale – disfunzione del sistema nervoso in risposta allo stress o al cambiamento di posizione che causa un improvviso calo della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca e a volte lo svenimento.
  • Diarrea cronica o costipazione – quando i nervi che controllano l’intestino e il colon sono danneggiati, il soggetto può soffrire di un assorbimento anormale di liquidi o di una motilità rallentata.

Altri danni agli organi.

  • Malattie renali – gli zuccheri alti nel sangue fanno lavorare i reni in modo eccessivo causando danni al sistema di filtraggio dei reni. I reni iniziano a rilasciare proteine nell’urina e perdono la loro capacità di rimuovere i rifiuti e i liquidi in eccesso permettendo ai rifiuti e ai liquidi di accumularsi nel corpo; alla fine può causare un’insufficienza renale che richiede frequenti dialisi o un trapianto di rene.
  • Malattie del fegato – Anche se il meccanismo specifico non è ancora chiaro, sappiamo che la carenza di insulina provoca un fegato più grasso non alcolico – troppo grasso accumulato nel fegato insieme all’infiammazione; in casi gravi può progredire fino alla cirrosi e all’insufficienza epatica.
  • Malattie cardiache – indurimento e restringimento delle arterie a causa del colesterolo alto.

Molte delle conseguenze di cui sopra possono diventare fatali – a volte nel tempo come le malattie renali o cardiache e a volte molto rapidamente come la chetoacidosi diabetica.

  • Coma
  • Ictus
  • Morte

Senza insulina, il corpo non può utilizzare ciò che viene consumato, portando il corpo in uno stato di malnutrizione o di inedia. Di conseguenza, oltre alle complicazioni menzionate sopra, le persone affette da diabulimia possono anche soffrire delle stesse conseguenze di chi soffre di anoressia nervosa. E se il soggetto ricorre ad altre forme di eliminazione oltre alla limitazione dell’insulina, può sviluppare le conseguenze associate alla bulimia nervosa.

Trattamento della diabulimia

Indipendentemente dal livello di disturbo alimentare o di recupero, è necessario rivolgersi ad un team multidisciplinare per affrontare i molti problemi interconnessi presenti nella diabulimia o nell’ED-DMT1. Lo scenario migliore per un paziente è quello di rivolgersi ad un endocrinologo, un dietologo esperto sia di diabete che di disturbi alimentari e un professionista della salute mentale specializzato in disturbi alimentari.

Sia gli operatori sanitari che i pazienti devono ricordare che una gestione del diabete “abbastanza buona” è l’obiettivo, non un controllo “perfetto”. La ricerca della perfezione può comportare un aumento del burnout da diabete e rafforzare il pensiero “tutto o niente” che a sua volta può intensificare il disturbo alimentare.

Il ricovero dovrebbe essere subordinato all’assunzione costante di una quantità minima di insulina, alla capacità di mangiare cibo a sufficienza per mantenere il peso, e a non ricorrere a forme di eliminazione che causano un pericoloso squilibrio elettrolitico.

Se il team di trattamento consiglia un livello di cura superiore, è importante scegliere un centro di trattamento che sia specializzato in diabulimia/ED-DMT1. I pazienti e gli operatori sanitari possono chiedere di rivedere i protocolli di reintroduzione dell’insulina, la gestione del diabete e la formazione del personale nel diabete per determinare il vero livello di competenza del centro, o contattare la Diabulimia Helpline che offre un database nazionale sia per i centri che per gli operatori che hanno esperienza sia nel diabete che nei disturbi alimentari.

Ricorda che la diabulimia è un disturbo mentale grave, quindi non può essere trattato semplicemente informandosi meglio circa il diabete o sottolineando i pericoli delle complicazioni del diabete.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.