Il Collegamento Tra Il Disturbo Borderline Della Personalità e i Disturbi Alimentari

disturbi alimentari

Qual è Il Collegamento Tra Il Disturbo Borderline Della Personalità e i Disturbi Alimentari

Secondo la National Association of Anorexia Nervosa and Associated Eating Disorders:

  • Almeno 30 milioni di persone di qualsiasi età e sesso soffrono di un disturbo alimentare negli Stati Uniti.
  • Ogni 62 minuti almeno una persona muore a causa di un disturbo alimentare.
  • I disturbi alimentari sono caratterizzati dal più alto tasso di mortalità di tutte le malattie mentali.

Sono state condotte molte ricerche sui disturbi di personalità e su come è probabile che questi formino i relativi stili di patologia alimentare.

I disturbi alimentari (EDs) sono piuttosto comuni nelle persone affette da disturbo borderline della personalità (BPD). Fino al 53,8% dei pazienti con BPD rientrano anche nei criteri per un disturbo alimentare (Salters-Pedneault, P. (n.d.).

È stato dimostrato che la personalità borderline è presente in circa il 25 per cento delle persone affette da anoressia nervosa e nel 28 per cento dei pazienti con bulimia nervosa. La ricerca condotta sull’associazione tra BPD e disturbi alimentari ci sta mostrando che specifici disturbi di personalità possono dare forma a corrispondenti stili di patologia alimentare. (Randy A. Sansone, Lori A Sansone. Innov Clin Neurosci. 2011 Mar; 8(3): 14-18. Published online 2011 Mar).

I criteri per la diagnosi di un disturbo di personalità come il disturbo borderline della personalità (BPD) possono andare in parallelo con i sintomi del disturbo alimentare. E gli effetti fisici o emotivi del disturbo alimentare possono generare i sintomi del BPD. Di conseguenza, i Disturbi Alimentari e il BPD interagiscono come un ciclo di feedback positivo, spingendo in modo esponenziale una persona lontano dal suo stato di equilibrio e causando un’eccessiva instabilità.

I disturbi alimentari possono agire come comportamenti mediante i quali gli individui con BPD possono mettere in atto dinamiche autolesionistiche, usando il cibo come strumento. Abusare del cibo funziona come “riempimento” per l’individuo, reprimendo temporaneamente i sentimenti di vuoto. Lo svuotamento provoca un “picco” euforico di sollievo temporaneo seguito da stanchezza, che combatte gli sbalzi emotivi di rabbia spesso riscontrati da coloro che soffrono di BPD.

I disordini alimentari fungono come strategie disfunzionali usate per distogliere l’attenzione da ciò che viene percepito come un caos incontrollabile nella vita. Questi disordini alimentari deviano l’attenzione di una persona verso se stessa, portandola a manipolare il proprio corpo e il proprio peso – un aspetto che si PUÒ controllare – tramite comportamenti alimentari disordinati come la fame, l’eccesso di cibo e/o la spurgatura. Gli EDs possono anche essere usati per smussare o ‘imbottire’ i sentimenti (disturbo da abbuffata e/o bulimia nervosa), spurgare i sentimenti (bulimia nervosa e/o bulimia da esercizio) o intorpidire i sentimenti (anoressia nervosa). Questi comportamenti alimentari sono mascherati da abilità usate per affrontare la vita nel tentativo di auto-sopprimere, ma queste tattiche malsane sono autodistruttive e non sostenibili a lungo termine.

I disturbi alimentari possono formarsi a causa di un modello abituale di alimentazione innescato dalla fame emotiva invece che da quella fisica. In altre parole, invece di usare i nostri segnali di fame interna (fame fisica) per gestire i nostri comportamenti alimentari, spesso le emozioni (fame emotiva) prendono il volante influenzando il nostro desiderio di nutrirci. A seconda della persona, varie emozioni – ansia, noia, rabbia, frustrazione, irritabilità, ecc. – possono incentivare a mangiare di più o sopprimere l’appetito con conseguente diminuzione dell’assunzione di cibo.

Quando si affronta un disturbo alimentare, uno dei componenti più importanti è quello di conoscere modi sani per auto-sopprimere i momenti di alterazione e sregolazione emotiva e di mangiare quando si è fisicamente affamati, invece di mangiare quando si è emotivamente affamati. Inoltre, il consumo intuitivo, conosciuto anche come mindful eating, è una parte imperativa del processo di recupero. Usando l’alimentazione intuitiva, si impara di nuovo a fidarsi del proprio corpo, consentendogli di mangiare ciò che vuole e quando vuole rispettando i segnali interni di fame e sazietà.

È molto difficile trattare efficacemente un disturbo co-occorrente se il BPD non è trattato in modo appropriato. Inoltre, per trattare efficacemente il BPD, qualsiasi disturbo co-occorrente, come i disturbi alimentari, deve essere trattato. Trattare adeguatamente il disturbo in comorbidità può aiutare a velocizzare il trattamento del BPD.

I disturbi alimentari e il BPD sono solitamente molto correlati e può essere difficile lavorare su uno e non sull’altro. Bisogna fare uno sforzo consapevole per lavorare su entrambi i disturbi co-occorrenti.

Il Centro DCA è specializzato nell’aiutare i clienti a ritrovare un senso di sé stessi e a migliorare la salute. Grazie ad esperti formati in nutrizione, terapeuti con esperienza nel trattamento dei disturbi alimentari, esperti nel trattamento del DisturboBorderline della Personalità mediante terapie basate sull’evidenza , i piani di trattamento sono adattati ai bisogni individuali per la più grande possibilità di benessere sostenibile.

I quattro disturbi alimentari più comuni riscontrati in coloro che soffrono di BPD sono: 1) Bulimia Nervosa, 2) Binge Eating Disorder, 3) Anoressia Nervosa, e 4) OSFED (disturbo dell’alimentazione altrimenti specificato; disturbi alimentari atipici). Questi disturbi alimentari sono descritti più in dettaglio qui sotto:

Bulimia Nervosa (BN)

Fra i sintomi primari della bulimia nervosa ci sono:

  • Assunzione abituale di grandi quantità di cibo (>2.000 calorie) in un periodo molto breve (2-3 ore), accompagnata da un senso di perdita di controllo sul proprio mangiare, seguita da sentimenti di colpa, vergogna e/o dispiacere.
  • Episodi ripetuti di abbuffate e svuotamenti con una frequenza di >2-3 volte a settimana
  • Comportamenti di compensazione come vomito autoindotto, abuso di lassativi o diuretici, digiuno e/o esercizio fisico ossessivo o compulsivo
  • Estrema inquietudine riguardo al peso e alla forma del corpo

Disturbo da Alimentazione Incontrollata (BED)

Secondo il DSM-5 (2013, American Psychiatric Association), il disturbo da alimentazione incontrollata è caratterizzato da:

  • Episodi ricorrenti di assunzione di grandi quantità di cibo (>2.000 calorie in una seduta) in un periodo di tempo discreto (qualsiasi periodo di due ore).
  • Episodi di alimentazione incontrollata che includono +3 dei seguenti comportamenti:
    • Mangiare molto più rapidamente del normale
    • Mangiare fino a sentirsi fastidiosamente pieni
    • Mangiare grandi quantità di cibo quando non ci si sente fisicamente affamati
    • Mangiare da soli a causa dell’imbarazzo o della vergogna riguardo al consumo di cibo
    • Sentirsi disgustati da se stessi, depressi o molto colpevoli dopo aver mangiato troppo
    • Angoscia marcata con comportamenti di abbuffata
  • Alimentazione incontrollata almeno una volta a settimana per tre mesi.
  • Il comportamento di alimentazione incontrollata che non è associato all’uso regolare di comportamenti compensatori (uso di pillole dietetiche, lassativi e/o diuretici) come negli individui con bulimia nervosa.

I mangiatori compulsivi o quelli con il disturbo da alimentazione incontrollata pensano continuamente al cibo e mangiano regolarmente oltre il punto di essere pieni e spesso mangiano di nascosto.

In alcuni casi di disturbo da alimentazione incontrollata, una persona può consumare 2.000-5.000 calorie o più. Molti riportano di sentirsi “sballati” dopo questa massiccia assunzione di cibo. La ricerca ha spiegato questo fenomeno e ha dimostrato che le abbuffate possono influire sul rilascio di serotonina, una sostanza chimica che stimola il centro di soddisfazione nel cervello che regola le sensazioni di piacere. Questo è il momento in cui cominciamo a considerare il cibo come una droga, e per alcuni, specialmente nel caso del BED, il cibo è, in effetti, impiegato come una droga. Tuttavia, a differenza dell’abuso di sostanze tradizionali (es. l’alcolismo), chi soffre di BED non può semplicemente smettere di usare la sua droga-cibo, poiché si deve mangiare per sopravvivere. Pertanto, l’individuo deve imparare a moderare la propria alimentazione cercando un trattamento per il recupero dei disturbi alimentari.

Anoressia Nervosa (AN)

Il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders-IV definisce l’anoressia nervosa come un rifiuto di mantenere il peso corporeo a o sopra il peso normale per l’età e l’altezza del paziente. Tra gli altri criteri c’è la perdita di peso o il mantenimento di un peso inferiore all’85% del peso normale.

Tra i sintomi dell’anoressia nervosa ci sono:

  • Resistenza a mantenere il peso corporeo a o sopra un peso minimo normale per altezza, tipo di corpo, età e livello di attività
  • Forte paura o sensazione di aumento di peso o di essere “grasso” anche se sottopeso
  • Disturbo della percezione del peso o della forma del corpo, insoddisfazione corporea grave e continua, o negazione della gravità dello scarso peso corporeo
  • Perdita dei periodi mestruali nelle ragazze e nelle donne in età fertile

Secondo la National Association of Anorexia Nervosa and Associated Eating Disorders:

  • Almeno 30 milioni di persone di qualsiasi età e sesso soffrono di un disturbo alimentare negli Stati Uniti.
  • Ogni 62 minuti almeno una persona muore a causa di un disturbo alimentare.
  • I disturbi alimentari sono caratterizzati dal più alto tasso di mortalità di tutte le malattie mentali.

Sono state condotte molte ricerche sui disturbi di personalità e su come è probabile che questi formino i relativi stili di patologia alimentare.

I disturbi alimentari (EDs) sono piuttosto comuni nelle persone affette da disturbo borderline della personalità (BPD). Fino al 53,8% dei pazienti con BPD rientrano anche nei criteri per un disturbo alimentare (Salters-Pedneault, P. (n.d.).

È stato dimostrato che la personalità borderline è presente in circa il 25 per cento delle persone affette da anoressia nervosa e nel 28 per cento dei pazienti con bulimia nervosa. La ricerca condotta sull’associazione tra BPD e disturbi alimentari ci sta mostrando che specifici disturbi di personalità possono dare forma a corrispondenti stili di patologia alimentare. (Randy A. Sansone, Lori A Sansone. Innov Clin Neurosci. 2011 Mar; 8(3): 14-18. Published online 2011 Mar).

I criteri per la diagnosi di un disturbo di personalità come il disturbo borderline della personalità (BPD) possono andare in parallelo con i sintomi del disturbo alimentare. E gli effetti fisici o emotivi del disturbo alimentare possono generare i sintomi del BPD. Di conseguenza, i Disturbi Alimentari e il BPD interagiscono come un ciclo di feedback positivo, spingendo in modo esponenziale una persona lontano dal suo stato di equilibrio e causando un’eccessiva instabilità.

I disturbi alimentari possono agire come comportamenti mediante i quali gli individui con BPD possono mettere in atto dinamiche autolesionistiche, usando il cibo come strumento. Abusare del cibo funziona come “riempimento” per l’individuo, reprimendo temporaneamente i sentimenti di vuoto. Lo svuotamento provoca un “picco” euforico di sollievo temporaneo seguito da stanchezza, che combatte gli sbalzi emotivi di rabbia spesso riscontrati da coloro che soffrono di BPD.

I disordini alimentari fungono come strategie disfunzionali usate per distogliere l’attenzione da ciò che viene percepito come un caos incontrollabile nella vita. Questi disordini alimentari deviano l’attenzione di una persona verso se stessa, portandola a manipolare il proprio corpo e il proprio peso – un aspetto che si PUÒ controllare – tramite comportamenti alimentari disordinati come la fame, l’eccesso di cibo e/o la spurgatura. Gli EDs possono anche essere usati per smussare o ‘imbottire’ i sentimenti (disturbo da abbuffata e/o bulimia nervosa), spurgare i sentimenti (bulimia nervosa e/o bulimia da esercizio) o intorpidire i sentimenti (anoressia nervosa). Questi comportamenti alimentari sono mascherati da abilità usate per affrontare la vita nel tentativo di auto-sopprimere, ma queste tattiche malsane sono autodistruttive e non sostenibili a lungo termine.

I disturbi alimentari possono formarsi a causa di un modello abituale di alimentazione innescato dalla fame emotiva invece che da quella fisica. In altre parole, invece di usare i nostri segnali di fame interna (fame fisica) per gestire i nostri comportamenti alimentari, spesso le emozioni (fame emotiva) prendono il volante influenzando il nostro desiderio di nutrirci. A seconda della persona, varie emozioni – ansia, noia, rabbia, frustrazione, irritabilità, ecc. – possono incentivare a mangiare di più o sopprimere l’appetito con conseguente diminuzione dell’assunzione di cibo.

Quando si affronta un disturbo alimentare, uno dei componenti più importanti è quello di conoscere modi sani per auto-sopprimere i momenti di alterazione e sregolazione emotiva e di mangiare quando si è fisicamente affamati, invece di mangiare quando si è emotivamente affamati. Inoltre, il consumo intuitivo, conosciuto anche come mindful eating, è una parte imperativa del processo di recupero. Usando l’alimentazione intuitiva, si impara di nuovo a fidarsi del proprio corpo, consentendogli di mangiare ciò che vuole e quando vuole rispettando i segnali interni di fame e sazietà.

È molto difficile trattare efficacemente un disturbo co-occorrente se il BPD non è trattato in modo appropriato. Inoltre, per trattare efficacemente il BPD, qualsiasi disturbo co-occorrente, come i disturbi alimentari, deve essere trattato. Trattare adeguatamente il disturbo comorbido può aiutare a velocizzare il trattamento del BPD.

I disturbi alimentari e il BPD sono solitamente molto correlati e può essere difficile lavorare su uno e non sull’altro. Bisogna fare uno sforzo consapevole per lavorare su entrambi i disturbi co-occorrenti.

Il Clearview Women’s Center è specializzato nell’aiutare i clienti a ritrovare un senso di sé stessi e a migliorare la salute. Grazie ad esperti formati in nutrizione, terapeuti con esperienza nel trattamento dei disturbi alimentari, esperti nel trattamento del Disturbo Borderline della Personalità mediante terapie basate sull’evidenza e un cuoco sul posto, i piani di trattamento sono adattati ai bisogni individuali per la più grande possibilità di benessere sostenibile.

I quattro disturbi alimentari più comuni riscontrati in coloro che soffrono di BPD sono: 1) Bulimia Nervosa, 2) Binge Eating Disorder, 3) Anoressia Nervosa, e 4) OSFED (disturbo dell’alimentazione altrimenti specificato; disturbi alimentari atipici). Questi disturbi alimentari sono descritti più in dettaglio qui sotto:

Bulimia Nervosa (BN)

Fra i sintomi primari della bulimia nervosa ci sono:

  • Assunzione abituale di grandi quantità di cibo (>2.000 calorie) in un periodo molto breve (2-3 ore), accompagnata da un senso di perdita di controllo sul proprio mangiare, seguita da sentimenti di colpa, vergogna e/o dispiacere.
  • Episodi ripetuti di abbuffate e svuotamenti con una frequenza di >2-3 volte a settimana
  • Comportamenti di compensazione come vomito autoindotto, abuso di lassativi o diuretici, digiuno e/o esercizio fisico ossessivo o compulsivo
  • Estrema inquietudine riguardo al peso e alla forma del corpo

Disturbo da Alimentazione Incontrollata (BED)

Secondo il DSM-5 (2013, American Psychiatric Association), il disturbo da alimentazione incontrollata è caratterizzato da:

  • Episodi ricorrenti di assunzione di grandi quantità di cibo (>2.000 calorie in una seduta) in un periodo di tempo discreto (qualsiasi periodo di due ore).
  • Episodi di alimentazione incontrollata che includono +3 dei seguenti comportamenti:
    • Mangiare molto più rapidamente del normale
    • Mangiare fino a sentirsi fastidiosamente pieni
    • Mangiare grandi quantità di cibo quando non ci si sente fisicamente affamati
    • Mangiare da soli a causa dell’imbarazzo o della vergogna riguardo al consumo di cibo
    • Sentirsi disgustati da se stessi, depressi o molto colpevoli dopo aver mangiato troppo
    • Angoscia marcata con comportamenti di abbuffata
  • Alimentazione incontrollata almeno una volta a settimana per tre mesi.
  • Il comportamento di alimentazione incontrollata che non è associato all’uso regolare di comportamenti compensatori (uso di pillole dietetiche, lassativi e/o diuretici) come negli individui con bulimia nervosa.

I mangiatori compulsivi o quelli con il disturbo da alimentazione incontrollata pensano continuamente al cibo e mangiano regolarmente oltre il punto di essere pieni e spesso mangiano di nascosto.

In alcuni casi di disturbo da alimentazione incontrollata, una persona può consumare 2.000-5.000 calorie o più. Molti riportano di sentirsi “sballati” dopo questa massiccia assunzione di cibo. La ricerca ha spiegato questo fenomeno e ha dimostrato che le abbuffate possono influire sul rilascio di serotonina, una sostanza chimica che stimola il centro di soddisfazione nel cervello che regola le sensazioni di piacere. Questo è il momento in cui cominciamo a considerare il cibo come una droga, e per alcuni, specialmente nel caso del BED, il cibo è, in effetti, impiegato come una droga. Tuttavia, a differenza dell’abuso di sostanze tradizionali (es. l’alcolismo), chi soffre di BED non può semplicemente smettere di usare la sua droga-cibo, poiché si deve mangiare per sopravvivere. Pertanto, l’individuo deve imparare a moderare la propria alimentazione cercando un trattamento per il recupero dei disturbi alimentari.

Anoressia Nervosa (AN)

Il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders-IV definisce l’anoressia nervosa come un rifiuto di mantenere il peso corporeo a o sopra il peso normale per l’età e l’altezza del paziente. Tra gli altri criteri c’è la perdita di peso o il mantenimento di un peso inferiore all’85% del peso normale.

Tra i sintomi dell’anoressia nervosa ci sono:

  • Resistenza a mantenere il peso corporeo a o sopra un peso minimo normale per altezza, tipo di corpo, età e livello di attività
  • Forte paura o sensazione di aumento di peso o di essere “grasso” anche se sottopeso
  • Disturbo della percezione del peso o della forma del corpo, insoddisfazione corporea grave e continua, o negazione della gravità dello scarso peso corporeo
  • Perdita dei periodi mestruali nelle ragazze e nelle donne in età fertile

Otherwise Specified Feeding and Eating Disorders (OSFED o disturbo del comportamento alimentare non altrimenti specificato)

I segni e i sintomi dell’OSFED sono come quelli di altri disturbi alimentari precedentemente definiti ma si manifestano come atipici:

  • Anoressia nervosa atipica (il peso non è inferiore alla norma)
  • Disturbo da alimentazione incontrollata (con episodi meno frequenti)
  • Disturbo da svuotamento – comportamenti volti a compensare il consumo di cibo quali il vomito o l’uso di lassativi, pillole dietetiche o esercizio fisico eccessivo senza abbuffate.
  • Sindrome da alimentazione notturna – episodi ricorrenti di alimentazione notturna che possono includere mangiare di più dopo cena che durante la cena o svegliarsi e sentire il bisogno di mangiare per sentirsi confortati e riaddormentarsi. Una costante consapevolezza, al limite dell’ossessione, del cibo, del conteggio delle calorie, dell’esercizio fisico e del peso
  • Cicli ripetitivi di limitazione del cibo, abbuffate e sentimenti di vergogna e senso di colpa, svuotamento
  • Regole severe e restrittive sul cibo, come i cibi che non possono mai essere consumati, i momenti della giornata in cui evitare di mangiare, i cibi “buoni” contro i cibi “cattivi”, ecc.
  • Usare il cibo come risposta alle emozioni spiacevoli

Se credi di essere affetto da un disturbo alimentare, esiste una terapia. I disturbi alimentari sono più frequenti durante le molte fasi di transizione della vita; quindi, avere gli strumenti, il supporto e le risorse di cui hai bisogno per il tuo viaggio può aiutarti nel tuo percorso di recupero, così come mantenere il tuo recupero.

A prescindere dalla gravità del problema, puoi guarire da un disturbo alimentare per vivere una vita felice e soddisfacente, libera dal dolore e dalle preoccupazioni legate al cibo, dove scoprirai come mangiare liberamente incarnando un rapporto sano con il cibo insieme all’auto-accettazione e alla gratitudine per il tuo corpo. Se pensi di aver bisogno di aiuto, chiamaci allo 0809187118

fonte (oltre quelle indicate nel testo) clearviewwomenscenter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.