Ipermetabolismo: La sfida della rialimentazione delle pazienti che soffrono di anoressia

disturbi alimentari

Il ristabilimento del peso e la rialimentazione possono essere un processo difficile per i pazienti che si riprendono da un’alimentazione irregolare, in particolare dall’anoressia nervosa. Il recupero del peso e dello stato nutrizionale è un passaggio fondamentale per il recupero e il mantenimento di uno stile di vita sano. Spesso, i pazienti che ristabiliscono solo parzialmente il peso presentano tassi di ricaduta più elevati dopo essere stati dimessi dall’ospedale.

Con l’aumento di peso necessario e il mantenimento del nuovo peso salutare, i pazienti hanno più probabilità di riscontrare una migliore guarigione a lungo termine. Una delle sfide che possono accompagnare la rialimentazione dei pazienti con anoressia è la complessa questione dell’ipermetabolismo. Una persona in recovery che è considerata ipermetabolica può manifestare una serie di sintomi. Queste persone perdono facilmente peso a causa della necessità di un maggiore apporto calorico per aumentare e mantenere il peso. Le persone in fase di recupero possono avvertire una sensazione di caldo e di sudorazione all’inizio del processo di alimentazione, soprattutto di notte. Questo è dovuto al fatto che il corpo è estremamente inefficiente dal punto di vista energetico durante le prime fasi di recupero di un peso normale. Molte delle calorie che una persona ingerisce vengono utilizzate dal corpo e rilasciate sotto forma di calore piuttosto che utilizzate per la costruzione dei tessuti di cui il corpo ha bisogno.

Anche l’esercizio fisico influisce durante il processo di alimentazione sulla necessità di un aumento dell’apporto calorico. I pazienti che praticano esercizio fisico spesso hanno bisogno di circa 3 volte più calorie per guadagnare lo stesso peso di quelli che fanno poco esercizio fisico.

Per riuscire ad aumentare e mantenere il peso, i pazienti devono aumentare gradualmente il loro apporto calorico. Il periodo di ipermetabolismo può durare dai tre ai sei mesi anche dopo che il cliente è tornato a un peso salutare. Il metabolismo alla fine si normalizza, nonostante queste forti oscillazioni che una persona può subire durante il recupero. La quantità di calorie necessarie per guadagnare e mantenere un peso normale e salutare può variare da individuo a individuo in base ai disturbi alimentari vissuti.

Per alcuni, il percorso di rialimentazione durante l’ipermetabolismo è la parte più difficile del recupero. Per coloro che non hanno familiarità con i sintomi dell’ipermetabolismo, i pazienti hanno descritto il periodo di rialimentazione come disorientante, stressante e scoraggiante. Tenendo a mente queste esperienze, è importante ricordare durante il processo di recupero che sintomi come una rapida sensazione di pienezza, costipazione e gonfiore sono una componente tipica. Alcuni di questi problemi digestivi potrebbero non attenuarsi per diverse settimane o mesi, ma queste sfide non durano per sempre e il metabolismo si normalizzerà con un corretto programma di alimentazione e un sano aumento di peso.

La necessità di mangiare con un apporto calorico così elevato fa sì che alcuni pazienti avvertano anche un’estrema preoccupazione di risvegliarsi “grassi”. Trovare un equilibrio tra l’esercizio fisico e l’aumento delle calorie è stato difficile anche per alcuni pazienti durante il recupero. Interrompere l’esercizio fisico o fare meno attività fisica di quella a cui un paziente era abituato in precedenza può essere difficile da sostenere e può portare ad altre difficoltà con sensazioni di depressione e aumento di peso “eccessivo”.

Le numerose sfide che i pazienti in fase di recupero possono incontrare sono il motivo per cui è importante consultare un professionista durante il processo di rialimentazione. Il vostro professionista di fiducia può indicare piani di alimentazione per il recupero, oltre a fornire supporto per le sfide mentali e fisiche che potreste dover affrontare.

Riferimenti:

Garber, A. K., Sawyer, S. M., Golden, N. H., Guarda, A. S., Katzman, D. K., Kohn, M. R., & Redgrave, G. W. (2016). A systematic review of approaches to refeeding in patients with anorexia nervosa. International Journal Of Eating Disorders, 49(3), 293-310. doi: 10.1002/eat.22482

Tetyana. (2014, May 07). Hypermetabolism in Anorexia Nervosa. Retrieved from  http://www.scienceofeds.org/2014/05/07/hypermetabolism-in-anorexia-nervosa/

Cronkright, K. (2013, June 28). The Dreaded Weight Gain Process. Retrieved from http://kelsisprogressionobsession.blogspot.com/2013/06/the-dreaded-weight-gain-process.html

Marzola, E., Nasser, J. A., Hashim, S. A., Shih, P. B., & Kaye, W. H. (2013). Nutritional rehabilitation in anorexia nervosa: review of the literature and implications for treatment. BMC Psychiatry, 13(1), 1-26. doi:10.1186/1471-244X-13-290

Salisbury, J. J., Levine, A. S., Crow, S. J., & Mitchell, J. E. (1995). Refeeding, Metabolic Rate, and Weight Gain in Anorexia Nervosa: A Review. International Journal Of Eating Disorders, 17(4), 337-345.

Redgrave, G. W., Coughlin, J. W., Schreyer, C. C., Martin, L. M., Leonpacher, A. K., Seide, M., & … Guarda, A. S. (2015). Refeeding and weight restoration outcomes in anorexia nervosa: Challenging current guidelines. International Journal Of Eating Disorders, 48(7), 866-873. doi:10.1002/eat.22390

tradotto da bodyandsoulsheal.com

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.