fbpx

9 Sintomi dell’Anoressia Nervosa

disturbi alimentari

L’anoressia nervosa, chiamata comunemente anoressia, è un disturbo alimentare grave che vede il soggetto assumere metodi poco salutari ed estremi per perdere peso o evitare di ingrassare.

Esistono due tipi di disturbo: quello restrittivo e quello da alimentazione incontrollata/eliminazione.

Chi soffre di anoressia restrittiva controlla il proprio peso limitando l’assunzione di cibo, mentre chi soffre di anoressia da alimentazione incontrollata espelle ciò che ha mangiato attraverso il vomito o l’uso di farmaci come lassativi e diuretici.

Una lunga serie di fattori influenza lo sviluppo dell’anoressia. Le ragioni per cui si sviluppa l’anoressia possono essere diverse per ogni persona e possono includere la genetica, traumi passati, altre condizioni di salute mentale come l’ansia e la depressione.

Le persone che corrono il rischio maggiore di sviluppare l’anoressia sono le donne in età adolescenziale e giovane adulta, sebbene anche gli uomini e le donne anziane siano a rischio.

Generalmente l’anoressia non viene diagnosticata in tempi brevi poiché le persone affette da questo disturbo alimentare non sanno di soffrirne e quindi potrebbero non cercare aiuto.

È anche comune che le persone affette da anoressia siano riservate e non parlino dei loro pensieri sul cibo o sulla loro immagine corporea, cosa che rende difficile per gli altri accorgersi dei sintomi.

Non esiste un unico test in grado di riconoscere il disturbo, poiché per formulare una diagnosi definitiva è necessario prendere in considerazione molti fattori.

Ecco 9 segnali e sintomi comuni dell’anoressia.

1. Eliminare il cibo per controllare il peso

L’eliminazione è una caratteristica comune dell’anoressia. Questi atti comprendono il vomito autoindotto e l’uso eccessivo di alcuni farmaci come i lassativi o i diuretici. Inoltre, si può ricorrere all’uso di clisteri.

L’anoressia di tipo “alimentazione incontrollata/eliminazione” è caratterizzata da episodi di alimentazione spropositata seguiti da vomito autoindotto.

L’uso di grandi quantità di lassativi è un’altra forma di eliminazione. Questi farmaci vengono assunti nel tentativo di limitare l’assorbimento del cibo e accelerare lo svuotamento dello stomaco e dell’intestino.

Analogamente, i diuretici vengono spesso utilizzati per favorire la minzione e ridurre l’acqua presente nel corpo come mezzo per ridurre il peso.

Uno studio che ha studiato la percentuale di eliminazione nei pazienti affetti da disturbi alimentari ha evidenziato che fino all’86% di questi ha fatto ricorso al vomito autoindotto, fino al 56% ha abusato di lassativi e fino al 49% ha abusato di diuretici.

Le purghe possono causare numerose e gravi complicazioni per la salute.

 2. Ossessione per il Cibo, le Calorie e la Dieta

La costante preoccupazione per il cibo e l’attento controllo dell’assunzione di calorie sono caratteristiche comuni dell’anoressia.

Le persone affette da anoressia possono registrare ogni alimento che consumano, compresa l’acqua. A volte memorizzano anche il contenuto calorico degli alimenti.

La preoccupazione di ingrassare contribuisce ad alimentare l’ossessione per il cibo. Chi soffre di anoressia può limitare drasticamente l’apporto calorico e seguire diete estreme. Alcuni possono escludere dalla loro dieta alcuni alimenti o interi gruppi di alimenti, come i carboidrati o i grassi.

Se si limita l’assunzione di cibo per un lungo periodo, questo può portare a una grave malnutrizione e a deficienze nutritive, che possono alterare l’umore e rafforzare il comportamento ossessivo nei confronti del cibo.

La riduzione dell’apporto di cibo può anche influire sugli ormoni che regolano l’appetito, come l’insulina e la leptina. Questo può causare altri problemi di salute come la perdita di massa ossea, oltre a problemi riproduttivi, mentali e di crescita.

3. Cambiamenti dell’Umore e dello Stato Emotivo

A chi viene diagnosticata l’anoressia spesso sono presenti anche sintomi di altre patologie, tra cui depressione, ansia, iperattività, perfezionismo e impulsività.

Questi sintomi possono far sì che coloro che soffrono di anoressia non trovino piacere in attività che solitamente appagano le altre persone.

Anche l’estremo autocontrollo è una caratteristica comune nell’anoressia. Questa particolarità si manifesta con la limitazione dell’assunzione di cibo per riuscire a perdere peso.

Inoltre, i soggetti affetti da anoressia possono diventare molto sensibili alle critiche, agli insuccessi e agli errori.

Gli squilibri di alcuni ormoni, come la serotonina, la dopamina, l’ossitocina, il cortisolo e la leptina, possono spiegare alcune di queste caratteristiche nelle persone affette da anoressia.

Poiché questi ormoni regolano l’umore, l’appetito, la motivazione e il comportamento, i livelli anomali possono portare a sbalzi d’umore, appetito irregolare, comportamento impulsivo, ansia e depressione.

Inoltre, la limitazione dell’assunzione di cibo può causare una carenza di sostanze nutritive responsabili della regolazione dell’umore.

4. Immagine Corporea Distorta

La corporatura e il fascino sono aspetti molto importanti per i soggetti affetti da anoressia.

Il concetto di immagine corporea riguarda la percezione delle dimensioni e la sensibilità nei confronti del proprio corpo.

L’anoressia è caratterizzata da un’immagine corporea negativa e da sentimenti negativi nei confronti del proprio corpo.

Da uno studio è emerso che i partecipanti avevano idee sbagliate sulla forma e sull’aspetto del proprio corpo. Inoltre, mostravano un elevato desiderio di magrezza.

Una caratteristica classica dell’anoressia è la sopravvalutazione delle dimensioni corporee, ovvero la convinzione di essere più corpulenti di quanto si sia in realtà.

Uno studio ha analizzato questo concetto in 25 persone affette da anoressia, chiedendo loro di valutare se fossero troppo grossi per riuscire a passare attraverso un’apertura simile a una porta.

I soggetti affetti da anoressia hanno sovrastimato in modo significativo le proprie dimensioni corporee, rispetto al gruppo di controllo.

Il continuo controllo del proprio corpo è un’altra caratteristica dell’anoressia. Tra gli esempi di questo comportamento ci sono il guardarsi allo specchio, il controllare le misure e il pizzicare il grasso in determinate parti del corpo.

Il controllo del corpo può incrementare l’insoddisfazione nei confronti del proprio corpo e l’ansia, oltre a incentivare la restrizione del cibo nelle persone affette da anoressia.

Inoltre, è dimostrato che gli sport in cui il peso e l’estetica sono al centro dell’attenzione possono accrescere il rischio di anoressia nelle persone più vulnerabili.

5. Attività Fisica Eccessiva

Le persone affette da anoressia, soprattutto quelle di tipo restrittivo, spesso svolgono un’attività fisica smisurata per perdere peso.

Uno studio condotto su 165 partecipanti ha infatti dimostrato che il 45% dei soggetti affetti da disturbi alimentari svolgeva anche un’attività fisica eccessiva.

Tra questi, è emerso che l’esercizio fisico eccessivo era più comune in coloro che soffrivano di anoressia di tipo restrittivo (80%) e di alimentazione incontrollata/eliminazione (43%).

Negli adolescenti affetti da disturbi alimentari, l’esercizio fisico eccessivo sembrerebbe essere più comune tra le donne che tra gli uomini.

Alcune persone affette da anoressia provano anche un forte senso di colpa se saltano un allenamento.

Camminare, stare in piedi e dimenarsi più sovente sono altri tipi di attività fisica comunemente riscontrati nell’anoressia.

L’attività fisica eccessiva è spesso presente in concomitanza con alti livelli di ansia, depressione e personalità e comportamenti ossessivi.

Infine, si pensa che i bassi livelli di leptina riscontrati nelle persone affette da anoressia possano aumentare l’iperattività e l’irrequietezza.

6. Negazione della Fame e Rifiuto di Mangiare

I regimi alimentari sregolati e i bassi livelli di appetito sono segni significativi dell’anoressia.

Il tipo di anoressia restrittiva è caratterizzato da una costante negazione della fame e dal rifiuto di nutrirsi.

Sono diversi i fattori che possono concorrere a questo atteggiamento.

Innanzitutto, gli squilibri ormonali possono indurre le persone affette da anoressia a mantenere una costante paura di ingrassare, con conseguente rifiuto di mangiare.

Gli estrogeni e l’ossitocina sono due ormoni coinvolti nel controllo della paura.

I bassi livelli di questi ormoni, tipicamente presenti nelle persone affette da anoressia, possono ostacolare il superamento della costante paura del cibo e del grasso.

Le irregolarità degli ormoni della fame e della sazietà, come il cortisolo e il peptide YY, possono influire sul rifiuto di mangiare.

Le persone affette da anoressia possono trovare la perdita di peso più gratificante del mangiare, il che può spingerle a continuare a limitare l’assunzione di cibo.

7. Seguire Rituali Legati al Cibo Seguire Rituali Legati al Cibo

Il comportamento ossessivo nei confronti del cibo e del peso spesso scatena tendenze alimentari improntate sul controllo.

Dedicarsi a questi rituali può alleviare l’ansia, dare conforto e generare un senso di controllo.

Tra i rituali legati all’alimentazione più comuni nell’anoressia ci sono:

  • Mangiare gli alimenti in un ordine preciso
  • Mangiare lentamente e masticare eccessivamente
  • Disporre il cibo nel piatto in un particolare modo
  • Consumare i pasti agli stessi orari ogni giorno
  • Tagliare il cibo in piccoli pezzi
  • Pesare, misurare e controllare le dimensioni delle porzioni di cibo.
  • Contare le calorie prima di mangiare
  • Consumare i pasti solo in determinati luoghi

Le persone che soffrono di anoressia possono considerare la deviazione da questi rituali come un insuccesso e una perdita di autocontrollo.

8. Abuso di alcol o droghe

In alcuni casi, l’anoressia può sfociare nell’uso cronico di alcol, alcuni farmaci e pillole dimagranti.

L’alcol può essere consumato per sopprimere l’appetito e fronteggiare l’ansia e lo stress.

I soggetti che si abbuffano o si abbuffano hanno circa 18 volte più probabilità di abusare di alcol e droghe rispetto a quelli che si limitano a mangiare.

Per alcuni, l’abuso di alcol può anche essere accompagnato da una drastica riduzione dell’assunzione di cibo per compensare le calorie consumate con l’alcol.

L’abuso di sostanze, tra cui anfetamine, caffeina o efedrina, è comune nel tipo di disturbo restrittivo, in quanto possono eliminare l’appetito, aumentare il metabolismo e favorire una rapida perdita di peso.

La restrizione alimentare e la rapida perdita di peso possono influenzare il cervello in modi che possono aumentare ulteriormente il desiderio di droghe.

L’abuso di sostanze nel lungo periodo, unito alla riduzione dell’assunzione di cibo, può causare malnutrizione e comportare altri problemi di salute.

9. Perdita di Peso Estrema

L’eccessiva perdita di peso è uno dei principali indicatori dell’anoressia. È anche uno dei più allarmanti.

Il grado di gravità dell’anoressia dipende da quanto la persona riesce a sopprimere il proprio peso. La soppressione del peso è la differenza tra il peso massimo precedente e il peso attuale.

Uno studio ha dimostrato che la soppressione del peso presenta legami sostanziali con il peso, le attenzioni per il corpo, l’attività fisica eccessiva, la restrizione alimentare e l’uso di farmaci per il controllo del peso.

Le linee guida per la diagnosi di anoressia indicano che la perdita di peso è rilevante se il peso corporeo attuale è inferiore del 15% rispetto a quello previsto per una persona di quell’età e altezza o se l’indice di massa corporea (BMI) è pari o inferiore a 17,5.

Tuttavia, può essere difficile notare i cambiamenti di peso e potrebbero non essere sufficienti per diagnosticare l’anoressia. Di conseguenza, è necessario prendere in considerazione tutti gli altri segnali e sintomi per effettuare una diagnosi accurata.

Sintomi A Livello Fisico Che Possono Insorgere Nel Corso Del Tempo

I sintomi sopra elencati possono essere gli indizi più evidenti dell’anoressia.

Nei soggetti affetti da anoressia più grave, gli organi del corpo possono essere interessati e manifestare altri sintomi, tra cui:

  • Stanchezza, indolenza e letargia
  • Formazione di carie a causa del vomito
  • Pelle secca e giallastra
  • Vertigini
  • Assottigliamento delle ossa
  • Crescita di peluria su tutto il corpo
  • Capelli e unghie fragili
  • Perdita di massa e debolezza muscolare
  • Pressione e pulsazioni basse
  • Forte stitichezza
  • Sensazione di freddo continua a causa dell’abbassamento della temperatura interna

Poiché le probabilità di guarigione completa sono maggiori in caso di trattamento tempestivo, è importante cercare aiuto non appena si notano i sintomi.

Conclusione

L’anoressia nervosa è un disturbo alimentare associato alla perdita di peso, all’alterazione dell’immagine corporea e al ricorso a metodi di dimagrimento estremi come l’eliminazione del cibo e l’esercizio fisico compulsivo. Se pensi che tu o un tuo amico o familiare potreste soffrire di anoressia, sappi che è possibile guarire e che puoi ricevere aiuto. Contattaci allo 0809187907 per maggiori informazioni.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.