fbpx

Come uscire dal binge eating

disturbi alimentari

Uscire dal binge eating (o disturbo da binge eating) non è una questione di soluzioni magiche o immediate. La strada per superare il disturbo da binge eating è un processo individuale, non lineare, durante il quale si affrontano numerose sfide per poter guarire.

Il percorso è pieno di ostacoli e contrattempi, ma è importante sapere che guarire dal disturbo da binge eating è possibile. Questo articolo offre consigli su come uscire dal disturbo da binge eating, partendo dal comprendere i propri sintomi fino al celebrare ogni piccola vittoria.

Riconoscere la natura ciclica del binge eating (e della strada per la guarigione)

Il primo passo per uscire dal disturbo da binge eating è accettare che il percorso non sarà lineare. Il processo di guarigione è ciclico e necessiterà di affrontare ripetutamente diverse fasi.

Capire questo concetto in teoria è semplice, ma metterlo in pratica durante il difficile percorso di cura può sembrare scoraggiante. Nei momenti difficili, è cruciale ricordare che la guarigione non segue una lista di compiti da spuntare. È fondamentale trattarsi con gentilezza, resettare le proprie intenzioni e proseguire nel percorso.

Informarsi sui sintomi

Il disturbo da binge eating si manifesta attraverso periodi di abbuffate durante i quali si perde il controllo sull’assunzione di cibo, seguiti da un senso di colpa e vergogna. Questo ciclo di eccesso alimentare è spesso preceduto da una compulsione irresistibile a mangiare.

Anche avendo una diagnosi di disturbo alimentare, potresti non conoscere tutti i sintomi associati. Riconoscere e ammettere i propri sintomi è uno dei passaggi fondamentali per iniziare a curare le compulsioni all’abbuffata.

Identificare i propri trigger

Ogni episodio di binge eating è scatenato da specifici trigger. Un trigger può essere qualsiasi elemento esterno o pensiero interno che innescano la compulsione all’abbuffata. Per esempio, una delusione lavorativa o la solitudine possono portare a cercare conforto nel cibo.

Comprendere i propri sintomi facilita l’identificazione dei trigger. Accrescendo la consapevolezza degli stimoli psicologici che portano all’eccesso alimentare, il percorso verso il recupero diventa più agevole. È importante prestare attenzione alle emozioni provate durante gli episodi di abbuffata e collegarle agli eventi scatenanti.

E’ importante notare che, se gli episodi di binge sono seguiti da periodi di restrizioni prolungate, non è necessario che ci sia un trigger specifico, ma è possibile che il discontrollo si manifesti come conseguenza diretta delle restrizioni messe in atto in precedenza

Sviluppare una relazione sana con il cibo

Evitare completamente il cibo non è possibile, quindi ricostruire un rapporto sano con l’alimentazione è fondamentale per prevenire le abbuffate. Questo obiettivo richiede pazienza e impegno nel cambiare la propria percezione del cibo, eliminando il senso di colpa associato all’overeating.

Esplorare nuove ricette, imparare a cucinare, sperimentare cucine di culture diverse e adottare abitudini di benessere che promuovono una dieta equilibrata sono tutti passi verso l’apprezzamento del cibo come nutrimento per il corpo, riducendo l’impatto dei trigger.

Abbandonare la dieta

Le diete di moda possono spesso essere molto malsane e gli studi dimostrano che i metodi alimentari eccessivamente restrittivi possono innescare episodi di binge eating.

Per esempio, uno studio su 496 ragazze adolescenti ha scoperto che il digiuno era associato a un rischio più elevato di binge eating .

Analogamente, un altro studio su 103 donne ha notato che l’astinenza da certi cibi risultava in un aumento delle voglie e un rischio più alto di sovralimentazione.

Invece di seguire diete che si concentrano sull’eliminazione di interi gruppi alimentari o sulla riduzione significativa dell’apporto calorico per perdere peso rapidamente, concentrati sul fare cambiamenti sani.

Prevedere le ricadute

Il recupero dal disturbo da binge eating è un viaggio pieno di alti e bassi. È normale incontrare ostacoli e vivere momenti di regressione senza considerarli fallimenti, ma piuttosto come occasioni di apprendimento.

La speranza è che con il tempo, la frequenza e l’intensità degli episodi di abbuffata diminuiscano fino a diventare un’eccezione piuttosto che la regola.

Rafforzare il sistema di supporto

Un solido sistema di supporto è essenziale nel recupero da qualsiasi disturbo alimentare. Famiglia, amici, coach, mentori, colleghi, terapisti e altri professionisti possono formare una rete di sostegno capace di offrire comprensione e incoraggiamento nei momenti difficili.

Una cerchia di supporto, anche piccola, può fare una grande differenza nel percorso di recupero. È importante comunicare apertamente, condividendo stress e successi.

Affrontare altri problemi di salute mentale

Il disturbo da binge eating spesso coesiste con altre condizioni di salute mentale, come ansia, depressione, disturbo bipolare e disturbi legati all’uso di sostanze. Curare la persona nella sua interezza è fondamentale nel percorso di recupero.

Celebrare le piccole vittorie

Il percorso di recupero offre molti motivi di celebrazione. Stabilire obiettivi realistici e raggiungibili con il proprio professionista della salute mentale è un modo per riconoscere ogni progresso fatto.

Cerca un aiuto professionale per uscire dal binge eating

Il consiglio più importante su come uscire dal binge eating è ricercare l’assistenza di professionisti. L’esperienza e la conoscenza di specialisti della salute mentale e medica possono rendere il percorso di recupero più sicuro, efficace e rapido. Presso Centro DCA, è possibile iniziare il tuo percorso di cura ed affrontare il binge eating con terapeuti specializzati che sanno quello che stai passando e possono supportarti. Prenota il tuo primo appuntamento usando il link di seguito.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×