Come Aiutare Una Persona Cara che soffre di Un Disturbo Alimentare

disturbi alimentari

Se sei preoccupato per la salute di una persona a te cara, allora è importante che tu la incoraggi a cercare una cura il più rapidamente possibile per assicurarsi le migliori possibilità di guarigione. Ma il trattamento è solo un aspetto del percorso di recupero, e ci sono strade che esulano dal programma di trattamento che ti consentono di ricoprire un ruolo cruciale nell’aiutarla a stare meglio, indipendentemente dal tuo rapporto con lei. Questo può andare dall’essere una spalla di supporto, all’andare al supermercato insieme e supportarla dopo i pasti. Ogni persona è diversa e ha necessità di cose diverse, ma questo ti darà alcune idee su cosa puoi fare per essere d’aiuto. E ricorda, una delle cose più importanti che puoi fare per la persona che ami è prenderti cura di te stesso.

Consigli generali per supportare una persona cara

  • Riconosci quanto la malattia sia dolorosa.
  • Informati: impara a conoscere i disordini alimentari quando puoi.
  • Chiedi come si sente e cosa pensa, piuttosto che fare supposizioni.
  • Evita di discutere di peso, forma, cibo e diete davanti alla persona amata e stabilisci un rapporto bilanciato con il cibo e l’esercizio fisico.
  • Ricordati che le cose possono cambiare e sii rassicurante: la guarigione è possibile.
  • Chiedi cosa puoi fare per essere d’aiuto – per esempio, aiutare a mantenere un’alimentazione regolare, mettere dei limiti dopo i pasti, avere uno spazio per parlare di come sta. Puoi ricevere una risposta come “lasciami in pace” o è possible che ti dica che non puoi fare nulla per aiutarla, quindi può essere utile ricordare che puoi percepire la sua angoscia e quanto le cose siano difficili, e che sei lì se ha bisogno di te.
  • Riconosci qualsiasi “comportamento accomodante o abilitante” – comportamenti che adotti per aiutare a ridurre il malessere della persona amata derivante dal disturbo alimentare, per esempio, pulire il vomito o cucinare diversi pasti, ma che colludono con il disordine e nascondono le conseguenze negative dei comportamenti.

Essere di supporto durante i pasti

I pasti possono essere molto difficili sia per chi soffre di disturbi alimentari che per supporta chi soffre. Tuttavia ci sono diverse cose che puoi fare per migliorare la situazione.

  • Assicurati di avere tutto il necessario per il pasto stabilito per evitare variazioni dell’ultimo minuto che potrebbero aumentare l’ansia.
  • Se mangiate insieme, fissa con la persona cara quello che mangerete, a che ora, chi altro sarà presente e pensa alle dimensioni delle porzioni.
  • Se la persona che vuoi aiutare ha difficoltà a fare la spesa a causa dell’ansia dovuta a cose come le etichette nutrizionali, offriti di fare la spesa per lei o andate insieme per aiutarla a sostenerla.
  • Alcune persone che si abbuffano di cibo possono avere difficoltà con la sovrabbondanza di cibo presente nei supermercati; quindi scrivere una lista e fare la spesa insieme può essere utile. Anche fare la spesa via internet può essere di grande aiuto per alcune persone.
  • Spesso durante il trattamento i cibi evitati dovranno essere reintrodotti. Stabilirne il giorno e l’ora insieme all’equipe di trattamento, e fare la spesa insieme, può aiutare chi ami a mantenere il controllo mentre affronta una prova difficile.
  • Quando si fa la spesa, le confezioni convenienza dei cibi da evitare o temuti hanno un effetto negativo importante, soprattutto se si tratta di un cibo che la persona tende a limitare o ad abbuffarsi. Comprare il cibo sotto forma di un singolo articolo piuttosto che di parte di una confezione convenienza potrebbe essere un’azione più gestibile per la persona cara.
  • Chiedi cosa sarebbe più utile durante il pasto. In altre parole fatti guidare. Alcuni esempi di cose che hanno aiutato altre persone sono avere la televisione o la radio accesa, colorare i tovaglioli, fare un puzzle o conversare. Inventate insieme una lista di tecniche di distrazione da usare quando si trova in difficoltà – questo potrebbe essere utile anche al di fuori dell’orario dei pasti.
  • Mantieni la conversazione neutrale durante i pasti, quindi evita di discutere su argomenti come le diete, l’esercizio fisico o come sta andando il trattamento.
  • Alle persone che soffrono di disturbi alimentari restrittivi, mangiare di nuovo regolarmente può causare fastidi fisici come dolori di stomaco e una sensazione di sazietà immediata – è importante seguire i consigli dell’equipe di trattamento. Questo può implicare il sostegno della persona cara per superare questo fastidio e continuare a mangiare regolarmente.
  • Gli orari serali sono spesso i momenti più vulnerabili per le persone che si abbuffano di cibo – chiedi cosa puoi fare per essere d’aiuto. Se non si tratta della sera, fatti indicare quali possono essere altri momenti di difficoltà.

Socializzare

Le persone con disturbi dell’alimentazione possono isolarsi, e può essere necessario compiere uno sforzo più grande del solito per farli sentire inclusi e impedire loro di chiudersi in se stessi.

  • Anche se il disturbo alimentare spesso mette in condizioni di isolamento, continua a cercare di invitare la persona cui tieni a partecipare alle attività di gruppo e familiari.
  • Pensa ad eventi sociali che non ruotano intorno al cibo o all’esercizio fisico, come provare diversi lavoretti, o giocare a giochi da tavolo.
  • Prenditi del tempo per discutere di argomenti che non riguardano la malattia e la cura; può sembrare molto difficile, ma la persona che ami è ancora lì, nonostante il disturbo alimentare.
  • Aiuta la tua persona cara a provare nuovi hobby o a riprendere gli hobby con cui si divertiva. Se la persona amata si divertiva con lo sport o l’esercizio fisico prima di sviluppare il disturbo alimentare e successivamente è diventato un problema, assicurati di consultarti con il suo medico curante sul modo migliore per gestire la cosa.

Situazioni difficili

I disturbi alimentari possono far sì che le persone si comportino in modi che possono sembrare estranei al proprio carattere. Anche se il trattamento tempestivo è sempre l’opzione migliore e darà a chi ne soffre le migliori possibilità di guarire completamente, questo può essere angosciante e intimidatorio, e la persona affetta da un disturbo alimentare potrebbe opporre resistenza. Non sono rari gli sfoghi emotivi o aggressivi e i commenti o le risposte offensive ai tuoi tentativi di aiuto, specialmente quando la persona si sente in difficoltà. Ci sono alcune cose che puoi ricordare per rendere questi momenti più gestibili ed evitare di aggravare la situazione.

  • Potrebbe essere opportuno allontanarsi e parlare una volta che tutte le persone coinvolte si sono calmate. Pensa a come fare affinché tu, la tua persona cara e tutti gli altri presenti siate al sicuro, e attua le azioni necessarie.
  • Cerca di resistere a qualsiasi impulso di rispondere alla rabbia arrabbiandoti a tua volta. È naturale sentirsi frustrati, ma cerca di evitare di esprimerlo davanti alla persona amata.
  • Cerca di non sentirti troppo colpevole se ti trovi ad arrabbiarti con lei. Trova il tempo, quando le acque si saranno calmate, di spiegare le tue emozioni alla persona amata e cerca di convincerla a fare lo stesso. Ognuno di voi, comunicando chiaramente le vostre opinioni e i vostri sentimenti, potrebbe semplificare la situazione ed evitarla in futuro.
  • Dopo che la situazione si è calmata, prenditi del tempo per te stesso. Puoi spiegare alla tua persona cara che non la biasimi per le sue reazioni, ma che ti prenderai un po’ di tempo per andare in un’altra stanza a chiamare un amico, o per fare una passeggiata per occuparti del tuo benessere. Qui fai capire che la ami, ma che riconosci anche l’importanza dell’autocompassione e che la ispiri anche a lei.
  • Quando parli della situazione, dimostra che hai ascoltato le preoccupazioni o le difficoltà della persona amata ripetendo alcune delle parole che ha utilizzato e riflettendo su di esse. Per esempio, se ti ha gridato contro: “Sarebbe meglio se ti facessi da parte, peggiori solo le cose”, potresti rispondere con “Cosa posso fare per non peggiorare le cose?”. Questo indica che hai ascoltato; ricordati che, per quanto la persona che stai sostenendo sia malata, ci sono ancora dei limiti. Non ha il diritto di fare del male alle altre persone, anche se la situazione è difficile. Quando le acque sono calme, sii chiaro con lei su cosa è e cosa non è accettabile.
  • Parla con le altre persone coinvolte su come gestire le situazioni in cui le emozioni sono accese, come il nostro gruppo di supporto online per chi sostiene qualcuno. È meglio elaborare un piano congiunto, perché approcci contrastanti per stemperare una situazione possono peggiorare le cose. Probabilmente troverai utile discuterne anche con i professionisti che seguono la persona cui vuoi bene, se hai il suo permesso.

Linguaggio

A volte diamo per scontato che il nostro linguaggio sia adatto in tutte le situazioni. Tuttavia, quando al centro della comunicazione c’è il rapport con il cibo e il cibo è una ferita aperta, può essere utile adottare una certa delicatezza per non peggiorare la situazione. Alcune affermazioni che possono sembrare banali (magari dette senza l’intenzione di ferire), possono ferire come lame. Potrebbe essere utile condividerle con altre persone che potrebbero parlare con la persona amata, per aiutarle a capire meglio il disturbo alimentare ed evitare di stravolgere le conversazioni.

Mangia normalmente.

Cosa potrebbe essere compreso: Non ti stai impegnando abbastanza, non è difficile da mangiare, è colpa tua, devi superarlo.

Alternativa positiva: Agli estranei può sembrare che le persone con disturbi alimentari abbiano solo bisogno di mangiare, o semplicemente di smettere di spurgarsi o di abbuffarsi. Non è così: i disturbi alimentari non sono una scelta, ma sono gravi malattie mentali per le quali la persona ha bisogno di essere sostenuta. È quindi importante far capire alla persona cara che sai che è difficile per lei, e che sei lì per sostenerla.

Ti vedo in forma.

Cosa potrebbe essere compreso: Sembri grasso, sei ingrassato, sei avido, adesso sei sano, quindi le cose sono facili per te.

Alternativa positiva: Qualsiasi commento riguardo all’aspetto “più sano” o “migliore” viene spesso interpretato come un aumento di peso. Invece di commentare l’aspetto fisico, prova a chiedere alla persona cara come sta, o a complimentarti per qualcosa che non è in relazione con il suo corpo, come un capo d’abbigliamento o un accessorio.

Vorrei avere il tuo controllo.

Cosa potrebbe essere compreso: Sei fortunato ad avere un disturbo alimentare, hai il controllo della malattia, è un bene essere ossessionato dal cibo, dal peso e dalla forma.

Alternativa positiva: Spesso i disturbi alimentari vengono usati come un meccanismo per superare le difficoltà e un modo per sentirsi in controllo. Tuttavia, quando qualcuno soffre di un disturbo alimentare, la malattia lo controlla e la lotta contro i pensieri e i comportamenti è difficilissima. Evita di commentare il disturbo alimentare come se fosse una scelta della persona.

Devi semplicemente smetterla di mangiare così tanto.

Cosa potrebbe essere compreso: Sei grasso, sei avido, l’alimentazione incontrollata non è un problema, te la stai inventando, puoi smettere di abbuffarti senza problemi.

Alternativa positiva: Riconosci quanto siano difficili le cose per la persona amata e quanto deve essere stressante il disordine alimentare. Falle sapere che sei lì per offrire aiuto.

Riprenditi presto.

Cosa viene compreso: È facile superare tutto questo, non ti stai impegnando abbastanza, sei un peso, sbrigati e guarisci.

Alternativa positiva: Rassicura la tua persona amata che, pur riconoscendo quanto le cose siano difficili per lei, tu ci sei e continuerai ad esserci per tutto il tempo necessario. Falle sapere quanto sei orgoglioso di lei per aver sfidato la malattia.

Vorrei avere il tuo fisico.

Cosa viene compreso: Sei fortunato ad avere un disturbo alimentare, lo fai solo per avere un certo aspetto, devi continuare a seguire questi comportamenti anomali.

Alternativa positiva: Cerca di evitare di discutere del tuo peso e del tuo aspetto di fronte alla persona amata, perché può essere inutile per lei. Piuttosto concentrati su argomenti diversi dal fisico, dal cibo o dall’esercizio fisico.

Posso tranquillamente finire un pacchetto di biscotti, così so esattamente come ti senti.

Cosa viene compreso: Tutti mangiano così, non hai problemi, è normale abbuffarsi, non meriti sostegno.

Alternativa positiva: Sebbene molte persone ogni tanto mangiano eccessivamente, e questo può essere dovuto ad emozioni difficili, non è la stessa cosa che avere un disturbo da alimentazione incontrollate. Il disturbo da alimentazione incontrollate è estremamente angosciante e comporta una perdita di controllo mentre mangia una quantità di cibo decisamente maggiore di quella che la maggior parte delle persone mangerebbe in circostanze simili. È bene essere comprensivi, ma è importante evitare di banalizzare ciò che la persona sta attraversando.

Esternare la malattia

Esternare il disturbo alimentare – vederlo come distinto dalla persona amata – può darti la possibilità di aiutarti a prendere le distanze dalla malattia e a sfidare i comportamenti del disturbo alimentare. Questa sfida al disturbo alimentare può portare la persona amata ad assumere un comportamento anomalo, ma questa è spesso la malattia che reagisce quando si sente minacciata. Esternalizzando la malattia, puoi anche aiutare la persona amata a riconoscerne i pensieri e i comportamenti come conseguenza del disturbo alimentare. Per fare ciò, può essere utile affrontare il disturbo alimentare come distinto dalla persona amata.

Per esempio:

  • “Cosa diceva il disturbo alimentare per farti sentire incapace di mangiare la tua merenda?
  • “Cosa diceva il disturbo alimentare per ingannarti e farti vomitare dopo la cena?
  • “Come ti fa sentire il disturbo alimentare?

Esternalizzare il disturbo alimentare può anche aiutare la persona amata a sentirsi meno criticata o da incolpare: entrambi riconoscete che è il disturbo alimentare.

Esternalizzare il disturbo alimentare non sarà di aiuto per tutti. Alcune persone possono avvertire che il disturbo alimentare è parte di loro, piuttosto che essere distinte, e possono trovarsi in difficoltà con domande come quelle sopra citate o trovarle indulgenti. Potrebbe anche sentirsi sprezzante di ciò che sta succedendo. Se questo è il caso, potrebbe essere utile approfondire la questione con la persona amata e il suo team di trattamento, per trovare un dialogo che sia positivo per tutti.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.