Come capire se una persona a te vicina soffre di bulimia

disturbi alimentari

Se qualcuno nella tua famiglia sta lottando con la bulimia, è probabile che sia molto bravo a nasconderlo. Proprio come per altri disturbi alimentari come l’anoressia e il binge eating disorder, chi soffre di bulimia normalmente lo fa in segreto. Di fronte agli stress della vita o alla tensione sviluppata dalla limitazione dell’assunzione di cibo, chi soffre di bulimia si consola attraverso un processo noto come “alimentazione incontrollata e svuotamento”. In questo circolo vizioso, l’individuo assume grandi quantità di cibo (1.000-5.000 calorie) in un breve periodo di tempo. Se è a dieta, quando il cibo “proibito” viene consumato, mette in atto atti compulsivi come consumare grandi quantità di cibo per attenuare le sensazioni indesiderate. Ormai sazia oltre il conforto o la soddisfazione, scatta la paura dell’aumento di peso.

Lo svuotamento è una tecnica che permette di liberare rapidamente il corpo dalle calorie indesiderate attraverso l’uso del vomito autoindotto, l’abuso di lassativi e diuretici e l’esercizio fisico eccessivo. Questi vari modi di epurazione creano un circolo che porta la persona che lotta con la bulimia a provare ancora più vergogna e mancanza di controllo a livello personale(2). In seguito la persona si impone una dieta rigorosa fino all’inizio del ciclo successivo. Le sensazioni tipiche sperimentate in ogni ciclo di alimentazione incontrollata e svuotamento sono sentimenti di paura, vergogna e senso di colpa. Non sorprende che questo rituale venga eseguito in privato, spesso a tarda notte mentre i membri della famiglia dormono o durante le ore del giorno in cui nessuno è in casa. Fai attenzione se il tuo caro scompare dopo i pasti, anche se non va in bagno. Il tuo caro potrebbe avere un altro posto speciale dove andare per nascondere i suoi segreti.

I segnali invisibili della bulimia

Esistono moltissimi equivoci sui disordini alimentari che permettono alla malattia di progredire in piena vista. “Non sembra troppo magra” o “dice che non ha mangiato tutto il giorno, è logico che abbia fame!”. Non esistono requisiti di taglia nella diagnosi di bulimia. Una persona che lotta con l’anoressia che manifesta anche comportamenti bulimici può essere notevolmente più magra, ma molte persone che lottano con la bulimia hanno una corporatura media o sono leggermente in sovrappeso. Lo svuotamento non impedisce l’aumento di peso. Vomitare dopo un pasto, nel migliore dei casi, può liberare il corpo solo del 50% delle calorie assunte. Altri metodi di svuotamento sono ancora meno efficaci.

È anche piuttosto comune limitare l’assunzione di cibo durante il giorno per abbuffarsi in seguito. Le persone che lottano con la bulimia possono limitare di proposito l’assunzione di cibo, in modo che sia più socialmente accettabile abbuffarsi in pubblico. Le conseguenze per la salute possono non essere visibili dall’esterno se non ad un occhio esperto. Sebbene chi soffre di bulimia possa non sembrare che stia morendo di fame all’esterno, le tracce rivelatrici sono lo scolorimento dei denti, gli occhi rossi e iniettati di sangue, le guance e il collo gonfi e i calli sulle nocche a causa del vomito indotto e gli sbalzi di peso. Il battito cardiaco irregolare, l’insufficienza renale e la rottura dell’esofago possono essere fattori di rischio che portano alla morte precoce.

Nel dubbio, è meglio agire

Forse senti quella sensazione alla bocca dello stomaco e sai che c’è qualcosa di strano nel comportamento di una persona a te vicina, ma non sai come tirarlo fuori e speri invece che sparisca da solo. Non succederà. I disturbi alimentari possono solo peggiorare se non vengono trattati. I disturbi alimentari provengono da un luogo nella nostra mente dove lottiamo per fronteggiare l’autostima, i cambiamenti di vita e la concezione del nostro fisico. Il “controllo” che una persona con bulimia avverte mentre gestisce il proprio cibo e il proprio corpo è difficile da abbandonare. La tua compassione, la tua comprensione e la tua volontà di parlare con la persona amata per ottenere un aiuto professionale sono la chiave della possibilità di guarigione. Anche se all’inizio possono stare sulla difensiva (e questo merita rispetto e pazienza. Non si può costringere nessuno alla cura!) e non essere disposti a rinunciare al loro modo di affrontare il mondo, sapere che ti importa abbastanza da avere questa conversazione complicata può fare la differenza nel riuscire a guarire da un disturbo alimentare.

Fonte:

eating disorder hope

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.