Disturbi alimentari: curarsi con le relazioni

disturbi alimentari

La guarigione dai disordini alimentari non avviene in modo isolato. Infatti, le ricerche dimostrano che il recupero completo si ottiene attraverso il rapporto con se stessi, con gli altri e con uno scopo superiore. Il trattamento è più efficace quando le pazienti sviluppano un rapporto con se stessi al di là del loro disturbo alimentare, una connessione con gli altri e un senso più profondo di autostima e di scopo. Questo lavoro relazionale conferisce al paziente la speranza e la motivazione necessarie per il percorso di guarigione e l’ispirazione per continuare a migliorare una volta che il paziente termina il trattamento. 

RELAZIONE CON SE STESSI: SVILUPPARE L’AUTOCOMPASSIONE

Le persone che soffrono di disturbi alimentari spesso provano una profonda vergogna che li blocca dalla connessione con se stessi e con gli altri. L’autocompassione è l’antidoto alla vergogna e crea le basi per le relazioni. L’autocompassione è un’abilità che può essere sviluppata come parte integrante del recupero: ci permette di “stare” con noi stessi con tenerezza, permettendoci anche di intervenire, in modo da poterci sostenere e prosperare. In altre parole, ci permette di poterci sentire autentici e vulnerabili, due qualità che diventano il fondamento delle relazioni con se stessi e con gli altri.

La pratica dell’autocompassione può spesso risultare insidiosa durante il processo di recupero. Come parte del disordine alimentare, le persone spesso si dedicano a un autocontrollo critico, che può risultare protettivo e prevedibile. Possono spesso ritenere che l’autocompassione faccia sì che le cose sfuggano al controllo o che diminuiscano i loro standard o che comincino a commiserarsi. L’autocompassione è invece una componente della sana genitorialità interna. Sappiamo che i genitori migliori sono quelli che forniscono nutrimento e struttura. I figli di genitori che si limitano a fornire struttura e richieste spesso mancano di fiducia e di un senso di benessere. Eppure, questo è il modo in cui spesso facciamo noi stessi i genitori. I pazientni devono invece imparare nuovamente come essere genitori interiormente con nutrimento e struttura, il che implica la pratica dell’autocompassione. Quando imparano a dimostrare autocompassione, forniscono il quadro di riferimento per un rapporto sano con se stessi.

L’autocompassione ha tre componenti (Neff, 2015)

1. Consapevolezza: La consapevolezza dell’autocompassione è semplicemente l’atto di riconoscere il proprio dolore emotivo. Può essere la semplice osservazione del “sto soffrendo”. Il passo consapevole dell’autocompassione ci permette di separarci dal nostro dolore, piuttosto che fonderci con esso.

2. Umanità Comune: Il passaggio dell’umanità comune è ricordare a noi stessi che non siamo soli nel nostro dolore. Può darsi che gli altri non abbiano vissuto il nostro stesso tipo di sofferenza, ma provare dolore emotivo fa parte della condizione umana e connettersi con quel dolore fa parte della guarigione.

3. Auto-gentilezza: L’auto-gentilezza è semplicemente parlare a noi stessi come faremmo con un amico che sta soffrendo emotivamente. Spesso ci diciamo di “temprarci” e di “non fare il fifone”. Dovremmo invece dirci quello che diremmo a un amico: “è difficile”. Ci sentiamo soli”.

RELAZIONE CON GLI ALTRI: HEALING RELATIONSHIPS

Oltre al rapporto con se stessi, il rapporto con gli altri è importante nel processo di recupero. I disturbi alimentari lasciano spesso una scia di stragi relazionali. Anche le famiglie e i propri cari risentono dei disturbi alimentari e spesso si sentono impotenti nella guarigione della persona amata. La guarigione di queste relazioni può creare una riparazione per le rotture che si sono verificate e può costruire un modello di come lavorare attraverso il conflitto relazionale futuro. Il disturbo alimentare spesso può giocare un ruolo nelle relazioni per allontanare le persone o per avvicinarle. Chi soffree di un disturbo alimentare può imparare a essere presente nelle relazioni senza il disturbo alimentare e a creare relazioni su basi sane.

RELAZIONE CON GLI ALTRI: sviluppare connessioni sane basate sul PROCESSO DI RECOVERY

Oltre a sanare le relazioni passate, il recupero offre l’opportunità di creare nuove relazioni con una connessione autentica. Chi soffre di disturbi alimentari spesso soffre in silenzio, nascondendo un segreto doloroso che lo allontana dagli altri. Il disturbo alimentare spesso blocca la connessione e ostacola la vera vulnerabilità. Grazie al recupero le persone che ne soffrono possono essere pienamente considerate e conosciute. Attraverso il processo di trattamento sviluppano relazioni con i loro coetanei che condividono il loro percorso di recupero. Quando queste relazioni si sviluppano con autenticità e con l’obiettivo della guarigione, possono servire come base per una vita di recupero al di fuori del trattamento.

RELAZIONE CON UNO SCOPO SUPERIORE: trovare il significato nel quotidiano

Il lavoro relazionale unisce anche i pazienti al mondo più grande che li circonda, aprendo i loro occhi sulla ricchezza e la bellezza della vita. Il pasto diventa fonte di piacere. La passeggiata pomeridiana è un’occasione per apprezzare la natura. L’arte, le parole e la musica permettono di esprimersi. Le ricerche dimostrano che le persone che si riprendono completamente spesso identificano il loro lavoro spirituale come un fattore determinante nel loro processo di recupero. È importante che le pazienti identifichino i loro valori e il loro scopo nella guarigione. Parliamo spesso del fatto che le pazienti si stanno riprendendo dai loro disturbi alimentari, ma è altrettanto importante determinare a cosa si stanno “riprendendo”. Quando possono integrare uno scopo e un significato più elevato nel loro recupero, scoprono che il loro recupero possiede un’integrità e un’intenzionalità.

Gli aspetti relazionali del recupero devono essere affrontati e integrati nel trattamento. La relazione con se stessi, con gli altri e con uno scopo superiore è parte integrante di ciò che siamo come esseri umani e della costruzione di una vita in recupero. L’integrazione del lavoro relazionale nel trattamento fornisce ai pazienti in trattamento una base per una guarigione più profonda.

Neff, K. (2015). Self-Compassion: The Proven Power of Being Kind to Yourself. New York: Morrow.

Smith, F. T., Hardman, R. K., Richards, P. S., & Fischer, L. (2003). Intrinsic religiousness and spiritual well-being as predictors of treatment outcome among women with eating disorders. Eating Disorders, 11, 15-26. doi:10.1080/10640260390167456-2199

Tradotto da nationaleatingdisorders.org

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.