Due strategie fondamentali per prevenire la ricaduta di un disturbo alimentare

disturbi alimentari

I disturbi alimentari hanno il più alto tasso di mortalità di qualsiasi altra malattia mentale, ed è per questo motivo che il trattamento è spesso così critico. Nel trattamento dei disturbi alimentari, a chi soffre di anoressia, bulimia o binge eating vengono dati gli strumenti e le possibilità per guarire.

Queste strategie sono state studiate per aiutare le persone a gestire i sentimenti di malessere o di angoscia; puntano a sostituire la necessità del disturbo alimentare. Perché la verità è che un disordine alimentare non è altro che una tecnica poco salutare e disadattiva per superare i problemi.

1) Considera il ruolo delle persone intorno a te

Quando si tratta di programmare la prevenzione delle ricadute, è utile iniziare a focalizzarsi su persone, oggetti e luoghi vissuti quotidianamente.

Le persone, ad esempio, sono una componente essenziale per evitare le ricadute e continuare la guarigione. Siamo esseri intrinsecamente sociali, creati per la comunità. Abbiamo bisogno l’uno dell’altro su diversi livelli, soprattutto nei momenti di difficoltà o di conflitto. Chi è in convalescenza ha bisogno del sostegno di amici intimi e della famiglia, così come i professionisti sono tenuti a fornire una guida, conoscenza e comprensione.

In buona parte, i gruppi di sostegno offrono entrambi, amicizia e guida, in un ambiente che non giudica e che accetta. Al contrario, coloro che direttamente o indirettamente ostacolano la guarigione dovrebbero essere evitati. Una donna che cerca di guarire da un’anoressia prolungata dovrebbe pensarci due volte prima di passare del tempo con chi è sempre a dieta e parla costantemente di perdere peso, di taglie di abbigliamento o di insoddisfazione del corpo.

2)  Considera come puoi cambiare i luoghi che frequenti o gli oggetti che usi

Prendere coscienza dei luoghi che possono portare benefici o sfavorire il recupero sarà un processo fondamentale per la pianificazione. Luoghi come i gruppi di supporto forniscono una guida costante nel percorso della guarigione. Inoltre, i luoghi possono provocare comportamenti negativi.

Palestre

Se l’allenamento costante è parte del disturbo alimentare, tornare nella stessa palestra non è una buona scelta. Anche se molti comportamenti di disordine alimentare hanno luogo in casa, non è realistico pensare che posti come la palestra siano salutari.

Specchi

Una persona può adottare diverse misure per cambiare la propria casa, un ambiente troppo familiare. Se gli specchi causano angoscia o ansia, parlati allo specchio dicendoti parole confortanti o messaggi positivi, che consentono di trasformare l’atto di guardarsi allo specchio in un’esperienza positiva.

Bilance

Esistono tantissimi oggetti che possono suscitare sentimenti negativi. Le bilance sono un esempio lampante. Anche se la vita è piena di cose inalterabili, questa non è una di quelle. Una bilancia non è una necessità vitale, quindi una donna in fase di recupero probabilmente non dovrebbe averne una. È semplice.

La chiave è sviluppare abitudini salutari

Nella prevenzione delle ricadute, le persone, i luoghi e le cose spesso si sovrappongono. Si potrebbe pensare a luoghi come un negozio di alimentari, che è pieno di cose difficili per chi ha un disturbo alimentare – prodotti, persone e giudizi. Almeno inizialmente, si consiglia di ricevere sostegno da parte di una persona.

Sviluppare nuove abitudini di vita richiede forza, impegno e costanza; non c’è da vergognarsi a chiedere a un amico di andare al supermercato, a parlare con qualcuno delle difficoltà e a riconoscere quando si verificano esperienze positive. Queste azioni potrebbero fare la differenza tra un’esperienza altamente stressante o completamente positiva.


Riferimenti:

American Journal of Psychiatry, Vol. 152 (7), July 1995, p. 1073-1074, Sullivan, Patrick F

eatingdisorderhope.com

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.