Gli adulti soffrono di disturbi alimentari?

disturbi alimentari

Sono molti gli stereotipi che influenzano come la società percepisce le persone afflitte da disturbi alimentari. Se potessimo, lo urleremmo ai quattro venti: I disturbi alimentari non fanno discriminazioni! Il sesso, la razza, l’età, lo stato socioeconomico e la cultura di una persona non hanno alcuna importanza per i disturbi alimentari! In questo articolo ci concentreremo sull’età e sulle somiglianze e differenze dei disturbi alimentari negli adulti più anziani rispetto agli adulti giovani e di mezza età. Tratteremo anche l’importanza di cercare aiuto, indipendentemente dalla fase della vita della persona.

Disturbi alimentari ed età: facciamo chiarezza.

Molte persone pensano che i disturbi alimentari colpiscano solo gli adulti giovani o di mezza età e che superati questi anni i disturbi spariscano. Sfortunatamente, non è così. I disturbi alimentari colpiscono principalmente la popolazione più giovane e spesso si manifestano negli adulti più giovani. Secondo il National Comorbidity Survey Replication (NCS-R), è vero che i disturbi alimentari si manifestano nella prima età adulta: l’età media di insorgenza della bulimia e dell’anoressia è di 18 anni, mentre l’età media di insorgenza del Binge Eating Disorder (BED) è di 21 anni.

Tuttavia, se uno di questi disturbi alimentari – o qualsiasi altro disturbo alimentare – non viene affrontato fin da subito, ciò significa semplicemente che chi soffre del disturbo alimentare probabilmente continuerà a soffrirne fino alla tarda età adulta. In altre parole, se un adulto anziano soffre di un disturbo alimentare, quella persona è stata vittima dei sintomi per decenni. Oltre a questo problema, poiché questi adulti hanno sofferto per così tanto tempo, è meno probabile che cerchino aiuto durante i loro anni d’oro.

Alcuni ostacoli alla diagnosi

Chi è stato vittima per così tanto tempo si abitua ai sintomi del loro disturbo alimentare – le azioni, i pensieri e i comportamenti diventano semplicemente una parte della vita. Inoltre, poiché la società tende a concentrarsi sul trattamento dei disturbi alimentari negli adolescenti e nei giovani adulti, gli adulti più anziani vengono essenzialmente emarginati quando invecchiano. L’idea che le persone debbano “superare” i disturbi alimentari ad una certa età non è solo quello che pensa la società. Questa concezione è inculcata nella mente di coloro che ne soffrono, rendendo più difficile per loro accettare la loro realtà e cercare una cura.

Inoltre, molti dei sintomi vengono scambiati per altre malattie o per una parte normale del processo di invecchiamento, il che rende il problema ancora più insidioso. I membri della famiglia potrebbero attribuire malnutrizione, diarrea, il vomito, perdita di capelli o sovralimentazione ai farmaci prescritti o al naturale avanzare dell’età. In realtà, questi potrebbero essere gli effetti secondari di un serio disturbo di salute mentale.

Come si innescano i disturbi alimentari in età avanzata

“A volte i disturbi alimentari si manifestano durante la mezza età e accompagnano la persona fino all’età adulta” afferma Robyn Janssen, direttore clinico senior di The Emily Program. Janssen continua spiegando che i disturbi alimentari in età adulta possono essere attribuiti alle diete folli. Alcune persone provano di tutto per controllare il loro peso mentre il corpo subisce cambiamenti naturali con l’avanzare dell’età. Anni di diete yo-yo possono contribuire all’insorgere di disturbi alimentari come il Binge Eating Disorder (BED), che si sviluppa comunemente più avanti nella vita. Inoltre, il BED negli adulti può essere difficile da riconoscere come disturbo alimentare. Molti dei sintomi del disturbo si manifestano nella sfera privata. L’aumento di peso può essere facilmente attribuito ad un rallentamento del metabolismo o alla mancanza di esercizio a causa di articolazioni doloranti.

Il ruolo dei media

Un altro fattore responsabile dei disordini alimentari che si sviluppano e accompagnano uomini e donne in età adulta è la pressione che spinge le persone a sembrare più giovani per via delle piattaforme dei social media come Instagram, Facebook e la miriade di app per incontri disponibili. Gli adulti single o chi diventa nonno per la prima volta potrebbero essere spaventati dall’idea del corpo che cambia. Di conseguenza, come mezzo per prendere il controllo, potrebbero sottoporre i loro corpi a diete estreme. Queste più avanti si possono trasformare in un vero e proprio disordine alimentare che, se non trattato, segue la persona per tutta la vita.

I disturbi alimentari possono continuare per tutta la vita se non vengono trattati

Come detto prima, i disturbi alimentari vengono spesso innescati quando le persone avvertono una mancanza di controllo sulla loro vita. E come la maggior parte degli adulti può confermare, i cambiamenti significativi della vita nei quali la persona avverte una perdita di controllo tendono a verificarsi durante la mezza età adulta.

I disturbi alimentari vengono spesso utilizzati come meccanismo di difesa. Quando una persona perde il lavoro, affronta un divorzio o perde una persona cara, potrebbe ricorrere ai comportamenti legati al disturbo per riprendere il controllo su una situazione completamente fuori dal suo controllo.

E quando gli adulti invecchiano, superando la mezza età, spesso devono rinunciare al controllo su aspetti fondamentali della loro vita: potrebbero dover rinunciare a guidare, o trasferirsi in una struttura per anziani dove non possono decidere cosa mangiare. Questi sono esempi di perdita di indipendenza, essenzialmente una perdita di controllo sulla propria vita. Nel tentativo di riguadagnare un po’ di quel controllo, alcuni possono utilizzare comportamenti passati (o attuali) relativi ai disturbi alimentari per fronteggiare la situazione.

Alcuni ostacoli al trattamento

Alcuni possono sostenere che gli adulti più anziani sono meno propensi a cercare aiuto e a continuare a combattere i loro sintomi perché non vogliono essere un peso per i membri della famiglia. Altri credono che le persone più anziane siano meno motivate a mantenersi in salute. Come citato in un articolo pubblicato su Medical News Today, alcune persone potrebbero non cercare di combattere perché hanno meno motivazioni o obiettivi per il futuro. Altri potrebbero vedersi già in una fase di “fine vita” e non vogliono impegnarsi o pesare sulle loro famiglie se sono vicini alla fine della loro vita.

Cercare un trattamento per questo disturbo mentale che ha un impatto così profondo sulla salute fisica di una persona potrebbe aiutare gli adulti più anziani a vivere una vita più lunga e più piena. Questo, indipendentemente dal punto in cui si trovano nella loro vita.

C’è una notizia positiva: si può guarire

Le strategie di reazione, le motivazioni e i potenziali effetti collaterali menzionati sopra sono solo alcuni esempi di come un disturbo alimentare potrebbe manifestarsi in un adulto . Tuttavia, è importante ricordare che questi disturbi sono diversi per ogni persona. Essendo persone care, amici, colleghi, caregiver o anche estranei, non bisogna mai minimizzare la loro malattia. Soprattutto per coloro che si prendono cura di persone adulte, è importante non ignorare la possibilità di un disturbo. Come già detto, i disturbi negli adulti possono essere difficili da individuare.

Se sei un adulto e soffri di disturbi alimentari, non aspettare oltre. La guarigione non è solo possibile ma anche molto probabile. Chiamaci allo 0809187118 per avere informazioni e iniziare subito un trattamento.

contenuto tradotto da The Emily Program

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.