L’eco di ambrosia #2. Quando il mondo virtuale ci chiede di essere perfetti.

disturbi alimentari, Sport

Articolo di Feldia Loperfido

In questo numero, la rubrica “L’eco di ambrosia” darà voce allo spunto di una nostra follower, che esprimeva il sentimento di paura nei confronti del suo cell per le applicazioni contacalorie, le ricerche su internet dei cibi più dietetici, dei valori nutrizionali e delle diete. Quello del mondo digitale diventa, talvolta, un vortice senza fine, in cui ansia e paura cercano contenimento immediato nell’app di turno, ma, in realtà, nel lungo termine si alimentano nelle notifiche, nel ricordo costante di risultati che non si raggiungono. D’altro canto, il gioco del sito che promette di far diventare uno schianto e per giunta in poco tempo, del forum della dieta della pizza (della serie, buono, gustoso e senza sensi di colpa), dell’applicazione che ti suggerisce l’esercizio perfetto per il corpo ideale, talvolta poco ha a che fare con obiettivi di vero benessere.

Per carità, vi sono una serie di servizi online orientati ad uno stile di vita sano e non è scopo di questa rubrica denigrarli. Piuttosto, ci interessa sottolineare che, in moltissimi casi, i contenuti, le dinamiche di navigazione, le regole di funzionamento di alcuni ambienti digitali hanno la capacità di trarci in inganno poiché sono fondati sull’ideale, così diffuso nella nostra società, del corpo perfetto. Di un corpo che, peraltro, è perfetto se magro, scolpito, sorridente, smagliante. Ma cosa succede dentro di noi quando si illumina lo schermo per l’ennesima notifica e facciamo ancora una volta i conti con il fatto che non abbiamo bevuto abbastanza acqua, preparato la ricetta sufficientemente light, fatto i 200 addominali quotidiani? In altre parole, che emozioni proviamo ogni volta che il nostro telefono ci ricorda inesorabilmente che non ci siamo avvicinati a quel corpo perfetto? È facile che l’entusiasmo di aver trovato finalmente l’app giusta per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi si alterni, così, con la frustrazione ed il terrore nel non averli potuti raggiungere.

D’altro canto, di quali obiettivi stiamo parlando? Forse, talvolta, di traguardi guidati dalla seduzione manipolatoria di una cultura diffusa per cui, se non sei bello da copertina, non vali. L’eco di ambrosia prova, così, a dare voce ad insolenti e ciniche app scaricate da Chiara, un’utente immaginaria, come espediente per accogliere le nostre emozioni e ricordarci una dura consapevolezza: un corpo perfetto è pur sempre un ideale che qualcun altro vuole per noi. In che termini, dunque, sentiamo che l’ideale di un corpo perfetto fa parte di noi e ci vincola nelle nostre scelte? E, dopo la bilancia di luglio e lo smartphone di settembre, nel prossimo numero a quale oggetto vogliamo dare voce? Quale oggetto pensi sia particolarmente significativo per te in relazione alle emozioni che caratterizzano il tuo comportamento alimentare?

Era un pomeriggio di una tiepida domenica di settembre. Immersa nelle preoccupazioni di fine estate, Chiara ripensava a quella sera sulla spiaggia con il vestitino bianco che le sottolineava le curve. “C’era Marco, che pessima scelta andare conciata così”, si ripeteva. E, come un’ossessione, le tornavano in mente le stupide parole dell’amica: “Ma che dici? Stai benissimo? Anzi, dovresti mangiare di più!”. “Ma che mangiare di più? Con queste maniglie disgustose! La odio! Di sicuro è interessata anche lei a Marco! Devo assolutamente riprendere in mano la mia vita”, diceva tra sé e sé, mentre già smanettava con il suo smartphone alla ricerca di nuove e più fidate amiche app che le dessero sostegno:

  • “Scarica me!”, disse la prima dello store
  • “No, scarica me!”, esclamò quella con il rating più alto
  • “Ma non mi vedi? Io sono più colorata, vincente, attraente… come te!”, provò a vendersi, con fare ammaliante, quella con 3 stelle e mezzo
  • “Ma no! Io sono dieting e fitness-oriented, tutto in uno e ads free!”, sibilò, vendendosi il tutto per tutto, la meno downloadata
  • “Ma che problema c’è?”, intervenne con fare risolutivo il cell, “Posso contenere tutte le app che vuoi. Avrai superperformance, supermemoria ed un fisico spettacolare! Installa, su! Ho già pronta la tua nuova migliore amica: la cartellina “Body&Co” con tutte le app healthy, per servirti”.

Schermo dello smartphone della malcapitata: Download in corso-apri. Download in corso-apri. Download in corso-apri. Download in corso-apri.

  • “Dai, ce la faremo anche con questa! Sputa la tua notifica migliore”, disse la prima, rivolgendosi alle altre e premurosa nel non farsi sentire dall’utente.

Schermo, in alto a sinistra, campanellino giallo, bip-bip, notifica del lunedì – ore 7.30: Perdi peso e mantieniti in forma!

  • “Adesso tocca a me, adesso tocca a me!”, urlò la sfigata con pochi download.

Bip-bip, campanellino arancione, lunedì – ore 11.00: 27 giorni mancanti per raggiungere il peso forma, schiappa!

  • “Ora mi diverto io, ora mi diverto io!”, gareggiò quella programmata per avere più like.

Bip-bip, nuova notifica, campanellino rosso, massima allerta, lunedì – ore 14:30: Condividi con i tuoi amici le calorie del tuo pranzo! Più light, meno pensieri!

  • “Cavolo! Ci ha fregate”, pensò in silenzio la 3 stelle e mezzo, “Ora faccio vedere io di che pasta sono fatta!”.

Bip-bip, notifica pre-cena, campanellino bordeaux, allerta da emergenza planetaria – ore 19:00: Non hai ancora fatto i tuoi esercizi bruciagrassi della giornata? 100 Addominali e 100 squat per prevenire le calorie che stai per ingerire!

Martedì, mercoledì, giovedì… dopo una settimana di “Sarai più magra, sarai più bella”, “Non ce l’hai fatta, devi fare di più”, “Condividi e perdi peso”, notifiche ammalianti, sensi di colpa, contatori, calcoli di IMC, promemoria da seguire e punti da raggiungere, smartphone incandescente e sempre scarico, entusiasmi, rabbia e paura, dall’angolo di un comodo divano, Chiara riprese il cell in mano e… come andò a finire? Immaginando di essere Chiara, come concluderesti la sua storia? Faccelo sapere sui nostri canali social e, se vuoi, indicaci l’oggetto per te significativo per i tuoi comportamenti alimentari.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.