Perché cucinare “troppo” può essere un segnale che nasconde un disturbo alimentare

disturbi alimentari

I genitori dovrebbero prestare attenzione se i loro figli tornano dall’università e diventano padroni della cucina, cucinando di tutto e di più. Cucinare o preoccuparsi eccessivamente del cibo può essere il segnale di un disturbo alimentare come l’anoressia.

“Molte persone affette da disturbi alimentari adorano cucinare e cucinano in continuazione per la famiglia o gli amici”, afferma Theresa Fassihi, PhD, psicologa del Eating Disorders Program della Menninger Clinic di Houston. “Possono cucinare tutto il giorno, senza però mangiare nulla”.

La psicologa ha aggiunto che alcune persone affette da disturbi alimentari possono provare piacere nel guardare gli altri che mangiano e godersi il controllo mentre altri si concedono il piacere di mangiare cibi grassi.

Sebbene cucinare sia una parte normalissima e piacevole delle festività, potrebbe essere un campanello d’allarme se associato ad altri segnali e sintomi di disturbi alimentari. Tra i disturbi alimentari ci sono l’anoressia, la bulimia, l’alimentazione incontrollata e l’eccesso di esercizio fisico. Sebbene i disturbi alimentari si manifestino più frequentemente nelle donne, anche gli uomini possono sviluppare un disturbo alimentare. Secondo la National Eating Disorders Association, circa 10 milioni di donne e 1 milione di uomini lottano contro un disturbo alimentare come l’anoressia o la bulimia.

“L’università è una fase di transizione importante della vita e alcuni giovani adulti sviluppano disturbi alimentari proprio in questo periodo”, ha affermato la Dr.ssa Fassihi.

I ragazzi che frequentano l’università possono anche essere convinti che scegliere cosa mangiare e cosa non mangiare dia loro un senso di controllo sulla loro nuova vita e li faccia sentire al sicuro, ha aggiunto la Dr.ssa Fassihi.

I genitori possono notare dei cambiamenti nel comportamento alimentare dei loro figli durante le vacanze, perché molti studenti tornano a casa per più di un giorno per la prima volta dopo l’estate. Tra gli altri segnali relativi ai disturbi alimentari ci sono:

  • Perdita o alterazione del peso – Fai attenzione ad eventuali perdite o aumenti improvvisi di peso. Chi soffre di disturbi alimentari solitamente cerca di nascondere la propria perdita di peso indossando abiti larghi. Un soggetto è considerato anoressico se il suo indice di massa corporea (BMI) è pari o inferiore a 17,4.
  • È schizzinoso/a – Fai attenzione se tuo figlio/tua figlia prima mangiava una grande varietà di cibi, ma adesso ne mangia solo alcuni e non altri, oppure si rifiuta di mangiare qualsiasi cibo escluso quelli senza grassi.
  • Dieta inaspettata/decide di diventare vegetariano – Le diete e la scelta di diventare vegetariano sono un modo accettabile dal punto di vista sociale per una persona affetta da disturbo alimentare di limitare la propria assunzione di cibo e di ridurre le calorie. Chiedi a tuo figlio/tua figlia i motivi per i quali vuole seguire una dieta o diventare vegetariano.
  • Ossessione per l’attività fisica – “Se tuo figlio/tua figlia soffre d’ansia o si intimorisce se deve saltare un giorno di attività fisica, allora dovresti fare attenzione”, afferma la Dr.ssa Fassihi.
  • Va spesso in bagno o sotto la doccia – I giovani adulti affetti da bulimia spesso cercano di controllare la quantità di calorie che consumano attraverso l’eliminazione successiva a un pasto abbondante. Possono andare spesso in bagno per eliminare il cibo e accendere la doccia per smorzare i rumori del vomito.
  • Mancano grandi quantità di cibo – I giovani adulti che si alimentano in modo incontrollato possono mangiare in modo normale quando sono in presenza di altre persone. Quando sono soli, mangiano grandi quantità di cibo in una sola volta, come sacchetti interi di biscotti, vaschette di gelato e sacchetti di patatine. Il cibo mancante può essere l’unico indizio.
  • Cambiamento della personalità – “I disturbi alimentari alterano completamente la personalità”, afferma la Dr.ssa Fassihi. “Una persona normalmente estroversa diventa timida e si chiude in se stessa e può evitare gli eventi sociali o di mangiare con la famiglia o gli amici”.

Se sospetti la presenza di un disturbo alimentare, parla con tuo figlio/tua figlia dei tuoi pensieri e invitalo a rivolgersi a uno specialista per essere valutato per un disturbo alimentare. Se tuo figlio/tua figlia nega di avere un problema, sottolinea i gravi rischi per la salute che i disturbi alimentari comportano, tra cui problemi cardiaci, perdita permanente di massa ossea e morte.

“L’intervento precoce offre ai soggetti affetti da disturbi alimentari la prognosi migliore”, ha affermato la Dr.ssa Fassihi. “La maggior parte delle persone che si sottopongono a un trattamento per i disturbi alimentari guarisce”.

Articolo tradotto da psychcentral.com

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.