fbpx

Quali Tipi di Restrizione Possono Portare a Episodi di Abbuffate? Ecco i più comuni.

disturbi alimentari

Molti associano il termine “restrizione” ad una limitazione deliberata dell’apporto alimentare durante la giornata. Sebbene la restrizione calorica/energetica sia un tipo di restrizione che può portare a comportamenti di abbuffata, esistono molte altre forme di restrizione che possono influenzare le tentazioni e i comportamenti dei disturbi alimentari. Scritto da: Nicki Parlitsis per balancetdx

Il ciclo di restrizione-abbuffata – un modello di comportamenti restrittivi che portano a episodi di abbuffate e viceversa – viene comunemente discusso nell’ambito dei disturbi alimentari. Sebbene l’aspetto “restrittivo” del ciclo venga comunemente inteso come restrizione calorica (malnutrizione), esistono molte forme diverse di restrizione che possono portare a comportamenti di abbuffata.

Il Questionario per l’Esame del Disturbo Alimentare (EDE-Q), uno strumento che misura le caratteristiche dei comportamenti dei disturbi alimentari, fa riferimento a quattro tipi di restrizioni che possono essere presenti nei disturbi alimentari.¹ Potrebbe essere difficile identificarli inizialmente, ma la maggior parte degli episodi di abbuffate hanno origine in una delle seguenti forme di restrizione.

Restrizione Alimentare. Esempio: “Posso permettermi solo qualche morso”.

La restrizione alimentare è la riduzione consapevole della quantità totale di cibo che si mangia, sia che sia riuscita o meno. Qualcuno potrebbe ridurre l’assunzione per influenzare la forma o il peso del corpo, cercare di prevenire un episodio di abbuffata, o sentire un generale senso di controllo.¹ Anche un tentativo “non riuscito” di restringere le calorie (ad esempio, i pensieri di dieta) può portare a un episodio di abbuffata. Studi sulla percezione delle calorie e sulla regolazione hanno mostrato che la percezione di un’assunzione insufficiente, indipendentemente dal numero di calorie effettivamente assunte, può portare a un aumento della fame e a episodi di abbuffata.²

Cosa Posso Fare Invece? È fondamentale garantire un adeguato apporto nutrizionale ad ogni pasto. Ciò significa mangiare fino a sazietà e pienezza adeguata indipendentemente dalla “porzione suggerita”, e scegliere ciò che suona bene e soddisfa. Rispettare i segnali di fame e sazietà del proprio corpo e le proprie voglie può aiutare a prevenire le tentazioni di abbuffarsi.

Evitare di Mangiare o Desiderare uno “Stomaco Vuoto”. Esempio: Saltare pasti/spuntini o digiunare per scopi non religiosi

L’evitamento alimentare è definito come l’intenzionale astinenza dal cibo per periodi di otto o più ore di veglia per influenzare la forma o il peso del corpo, prevenire un episodio di abbuffata, o avere un senso di controllo.¹ Dato che il cibo fornisce energia al tuo corpo in calorie, i periodi di ridotto apporto energetico possono causare effetti dannosi al corpo e al cervello. In risposta, il tuo corpo sviluppa un maggiore bisogno di nutrimento per funzionare correttamente. Ciò può risultare in un aumento primordiale degli ormoni della fame, un’ossessione psicologica per il cibo, o una “perdita di volontà” attorno al cibo che può portare a episodi di abbuffata.

Cosa Posso Fare Invece? Mangiare regolarmente (ogni 3-4 ore) per aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e gestire le tentazioni di abbuffarsi. Un modello di alimentazione costante può anche ridurre i pensieri ossessivi sul cibo durante il giorno.

Evitamento Alimentare (Evitare Cibi Specifici o Gruppi di Cibi). Esempio: Diete senza carboidrati o senza grassi, eliminazione dei dolci

Un altro tipo di restrizione è il tentativo di evitare cibi specifici o gruppi di cibi, indipendentemente dal successo.¹ Anche se qualcuno sta mangiando una quantità adeguata di cibo per le sue necessità, la restrizione deliberata di particolari alimenti può comunque portare a episodi di abbuffata.

Cosa Posso Fare Invece? So che può sembrare spaventoso, ma permettendoti di avere questi cibi – senza vergogna o colpa – normalizza la loro presenza e riduce eventualmente le tentazioni di abbuffarti. Dato che il tuo cervello desidera ciò che non può avere, lavorare lentamente per incorporare questi cibi nella tua vita può ridurre il loro “potere” su di te. Sii paziente con questo, potrebbe volerci del tempo per fidarti completamente di te stesso attorno a questi cibi se sono stati off-limits per un po’.

Regole Alimentari. Esempio: “Non mangiare dopo le 20” o “Non posso mangiare nulla di malsano”

Creare e rispettare rigide regole alimentari è spesso una forma di restrizione che porta alle abbuffate. Queste regole fisse possono includere limiti calorici definiti, quantità predefinite di cibo, o regole su cosa o quando si dovrebbe (o non dovrebbe) mangiare.¹ A volte, potresti non essere nemmeno pienamente consapevole delle regole che hai per te stesso fino a quando non ne “rompi” una, provocando sentimenti negativi come colpa, vergogna, o perdita di controllo. A volte, anche la percezione che una regola alimentare sia stata infranta può innescare il consumo di più cibo, indipendentemente dai livelli di fame o sazietà. Gli studi nella 4° Edizione del Mangiare Intuitivo mostrano che più ci viene detto di non mangiare o fare qualcosa, più desideriamo quel cibo o comportamento, noto come il “fenomeno del frutto proibito”.³

Cosa Posso Fare Invece?

Se noti che stai cercando di seguire rigide regole dietetiche (cioè, tipi di cibo, porzioni, orari dei pasti), puoi sfidare queste regole attraverso l’abituazione. L’abituazione è l’esposizione ripetuta allo stesso stimolo, che aiuta a ridurre l’eccitazione del “frutto proibito”.³ L’obiettivo è ridurre la carica emotiva che certi cibi o comportamenti alimentari hanno, riducendo in definitiva le tentazioni di abbuffarsi.

Presso Centro DCA, il nostro team di clinici altamente qualificati è formato nella diagnosi e nel trattamento dello spettro dei disturbi alimentari, tra cui anoressia, bulimia, disturbo da abbuffata, iperfagia compulsiva e altri comportamenti alimentari disordinati e problemi di immagine corporea. Se hai bisogno di aiuta, contattaci attraverso il form in fondo alla pagina.

Bibliografia

1. Jennings, Karen M, and Kathryn E Phillips. “Eating Disorder Examination-Questionnaire (EDE-Q): Norms for a Clinical Sample of Males.” Archives of psychiatric nursing vol. 31,1 (2017): 73-76. doi:10.1016/j.apnu.2016.08.004

2. Polivy, Janet. “Perception of calories and regulation of intake in restrained and unrestrained subjects.” Addictive Behaviors 1 (1976): 237-243.

3. Tribole, Evelyn, and Resch, Elyse. Intuitive Eating, 4th Edition: A Revolutionary Anti-Diet Approach. United States, St. Martin’s Publishing Group, 2020.

4. Balancedtx.com

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Scrivici su whatsapp!