Scopri come la cultura della dieta può mettere in pericolo la salute mentale degli adolescenti

disturbi alimentari, grassofobia

La cultura della dieta può essere presente in molti aspetti della vita delle persone, dai media utilizzati ai messaggi ricevuti dalla famiglia, dagli amici e dalle istituzioni. È una parte talmente comune della vita di molte persone che spesso vi sono coinvolte e contribuiscono a mantenerla senza accorgersene.

Per gli adolescenti, l’impatto della cultura alimentare sulla salute mentale e sul benessere può essere considerevole. Gli adolescenti solitamente devono affrontare numerose pressioni sociali, tra cui quella di adattarsi, di entrare in contatto con gli altri e di ricevere l’approvazione di chi li circonda. Questi e altri fattori possono renderli vulnerabili agli effetti nocivi della cultura della dieta.

Per contrastare i messaggi limitati e spesso dannosi della cultura della dieta, è importante creare contesti e favorire atteggiamenti che promuovano abitudini genuinamente sane e inclusive. Tra questi comportamenti possiamo ricordare l’attività fisica, il consumo di una varietà di alimenti e la valorizzazione dei fisici di tutte le taglie.

Cos’è la Cultura della Dieta?

Il termine “diet culture”, ovvero cultura della dieta, descrive un sistema di convinzioni che valorizza i corpi magri o tonici rispetto ad altri tipi di corpo e che collega il peso e le dimensioni del corpo alla salute e allo status sociale. Ecco alcune caratteristiche della cultura della dieta:

  • La cultura della dieta può essere una fonte non indifferente di stress e ansia e può spingere le persone a provare molte emozioni negative, tra cui paura, vergogna e senso di colpa per le loro scelte alimentari.
  • La cultura della dieta può incentivare comportamenti limitanti e compulsivi per quanto riguarda l’alimentazione e l’attività fisica. Questo può far sì che questi comportamenti importanti e quotidiani vengano percepiti come sgradevoli e punitivi.
  • La cultura dietetica spesso marchia alcuni cibi e comportamenti definendoli “buoni” o “cattivi”. Questo può portare le persone a provare un senso di sconfitta se non si conformano alle regole rigide che la cultura della dieta promuove.

Cosa Rende gli Adolescenti Vulnerabili alla Cultura della Dieta?

L’adolescenza è spesso un periodo di formazione, nel quale i giovani possono instaurare abitudini, atteggiamenti e comportamenti che possono avere un impatto duraturo sul loro benessere psicofisico. L’adolescenza può anche essere un periodo in cui instaurare legami e trovare accettazione sono priorità particolarmente alte. Queste pressioni possono rendere gli adolescenti maggiormente vulnerabili ai messaggi scorretti sul peso, l’alimentazione e l’esercizio fisico che possono essere presenti nei loro ambienti sociali.

I social media come Instagram e TikTok contano un gran numero di utenti adolescenti e una grande quantità di contenuti che trattano argomenti come la perdita di peso, l’alimentazione e la forma fisica. Uno studio che ha analizzato i temi chiave dei post più popolari relativi all’alimentazione e al peso su TikTok ha rilevato che [1]:

  • L’11,1% dei contenuti analizzati è stato creato da un pubblico adolescente.
  • Quasi il 44% dei video dello studio prevedeva contenuti sulla perdita di peso e il 20,4% dei video presentava la trasformazione del peso di una persona.
  • Il tema della dieta o dell’alimentazione era presente nel 14% dei video dello studio.
  • Solo l’1,4% dei video dello studio era realizzato da dietisti professionisti.

Inoltre, la maggior parte dei post dello studio presentava contenuti relativi al peso normativo, mentre meno del 3% dei post presentava contenuti inclusivi del peso [1]. Una visione della salute e dell’alimentazione basata sul peso normativo pone l’accento sull’importanza della corretta gestione del peso per una buona salute, mentre un approccio inclusivo del peso focalizza l’attenzione su un ventaglio più ampio di modi in cui le persone possono migliorare il proprio benessere [2]. Un aspetto importante dell’approccio inclusivo del peso è l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità che non stigmatizzi le persone a seconda del peso [2].

È anche importante comprendere che i social media potrebbero non essere l’unica fonte di cultura alimentare nella vita di un adolescente. Genitori, familiari, amici, pubblicitari e persino operatori sanitari possono vedere la salute e il benessere attraverso la lente limitata e potenzialmente nociva delle dimensioni e del peso corporeo. Questi approcci possono influenzare gli adolescenti quando si trovano ad affrontare situazioni sociali, usufruiscono dei media e fanno scelte quotidiane di salute e di stile di vita.

Gli Effetti Nocivi Della Cultura Della Dieta

La cultura della dieta può determinare diversi esiti negativi per le persone, tra cui una minore autostima, una concezione scorretta del cibo e dell’attività fisica e una peggiore salute mentale. Le persone che condividono la cultura della dieta possono seguire abitudini alimentari dannose, come ad esempio consumare solo cibi a basso contenuto calorico anziché seguire una dieta equilibrata e nutriente [3].

Secondo la National Eating Disorders Association (NEDA), il pregiudizio sul peso può aumentare l’insoddisfazione del corpo e quindi il rischio di sviluppare un disturbo alimentare [4].

Oltre a mettere a repentaglio la salute fisica e mentale degli adolescenti, la cultura della dieta può anche contribuire alla diffusione di informazioni imprecise o errate sull’alimentazione e sulla salute. Gli influencer dei social media hanno spesso come obiettivo principale la vendita di un prodotto anziché educare il proprio pubblico e spesso non possiedono le qualifiche o le credenziali che potrebbero aiutarli a fornire informazioni sulla salute più accurate e responsabilizzanti.

I risultati di uno studio trasversale condotto nel Regno Unito suggeriscono che la cultura della dieta potrebbe avere un impatto sempre più grave sui giovani. Lo studio ha rilevato che [5]:

  • Nel 2015, circa il 44% degli adolescenti ha seguito una dieta e il 60% ha fatto esercizio fisico per perdere peso, mentre nel 1986 circa il 37% degli adolescenti ha seguito una dieta e solo il 7% ha fatto esercizio fisico per perdere peso.
  • – È emerso che i metodi di controllo del peso sono associati a maggiori sintomi depressivi tra le ragazze adolescenti nel 2015 rispetto al 1986.

Verso Una Visione Inclusiva Della Salute E Della Nutrizione

Se sei un genitore, un educatore o un medico, non puoi impedire che i giovani sotto la tua ala conoscano la cultura della dieta. Tuttavia, puoi fornire loro l’accesso a informazioni sulla salute corrette e complete e aiutarli a non subire i messaggi potenzialmente dannosi che possono incontrare nella loro vita di tutti i giorni.

Puoi anche incentivare un approccio olistico al cibo e all’esercizio fisico, aiutando i giovani a prendere decisioni alimentari e sportive che migliorino la loro felicità, la loro fiducia e il loro sviluppo come persone.

Comprendere che il corpo e lo stile di vita di ogni persona sono unici e imparare a celebrare queste differenze può contribuire a fornire un percorso efficace verso la salute e la felicità. Inoltre, assimilare questi insegnamenti già nelle prime fasi della vita può aiutare gli adolescenti a prendersi cura della propria salute e del proprio benessere durante il passaggio all’età adulta.

Riferimenti Bibliografici

[1] Minadeo, M., & Pope, L. (2022). Weight-normative messaging predominates on TikTok — A qualitative content analysis. PLOS ONE, 17(11), Article e0267997. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0267997

[2] Tylka, T.L., Annunziato, R.A., Burgard, D., Daníelsdóttir, S., Shuman, E., Davis, C., & Calogero, R.M. (2014). The weight-inclusive versus weight-normative approach to health: Evaluating the evidence for prioritizing well-being over weight loss. Journal of Obesity2014, Article 983495. https://doi.org/10.1155/2014/983495

[3] MacPherson, R. (2022, February 23). What is diet culture? Verywell Fit. https://www.verywellfit.com/what-is-diet-culture-5194402

[4] National Eating Disorders Association. Weight Stigma.https://www.nationaleatingdisorders.org/weight-stigma

[5] Solmi, F., Sharpe, H., Gage, S.H., Maddock, J., Lewis, G., & Patalay, P. (2021). Changes in the prevalence and correlates of weight-control behaviors and weight perception in adolescents in the UK, 1986-2015. JAMA Pediatrics, 175(3), 267–275. https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2020.4746

Articolo originale in inglese presente su Eating Disorder Hope

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.